Hartal! – Hartal!

Hartal! – Hartal!

I veneti Hartal! (prima si facevano chiamare Afraid!) debuttano sulla lunga distanza con i sei brani del loro omonimo disco. Il lavoro, pubblicato per DiNotte Records, V4V Records e Indastria Records, si immerge a capofitto nella psichedelia, coinvolgendo e interessando anche l’ascoltatore più improbabile.

La strumentale Uno, costruita su un ossessivo ripetersi di accordi, ipnotizza con il suo incedere e la sua melodia, sfociando nella più strutturata Barefoot Empire (gli accordi non cambiano, ma si aggiungono batteria, voce e calore). Il più veloce muoversi di Old Chicken Makes Good Broth, sviluppando urla più intense (ma pur se
mpre ben impastate con la parte strumentale), lascia con lo sguardo sbarrato a fissare il vuoto, mentre i colpi di batteria (uniti a chitarra e basso) rimbombano con forza dentro le nostre orecchie e il nostro corpo. Megaloo V, invece, portandosi dentro un leggero senso di inquietudine, sviluppa atmosfere più misteriose e intriganti, introducendo il selvaggio sfrecciare dell’inarrestabile Chasing The Beaver.
Ogoniland, infine, avendo dalla sua l’ampio minutaggio, dà il colpo di grazia, tramortendo con il suo lungo e pacato ondeggiare che sfocia in un finale intenso (dove ad aver la meglio è un imprevisto inserirsi di saxofono).

Con questo disco gli Hartal! dimostrano fin da subito di essere una band dal notevole potenziale. I sei brani proposti, allo stesso tempo differenti ma simili fra loro, danno vita a un lungo flusso di coscienza che chiede con forza di ripetersi più e più volte. Avere fra le mani lavori come questo è sempre una grande soddisfazione.

Tracklist:
01. Uno
02. Barefoot Empire
03. Old Chicken Makes Good Broth
04. Megaloo V
05. Chasing The Beaver
06. Ogoniland

HARTAL! – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati