Hard Tension – Fear And Guilt

Hard Tension – Fear And Guilt

Power metal dall'impatto neoclassico per i portoghesi Hard Tension.

Nuovo Ep per la band portoghese degli Hard Tension, nata nel 2011 e con all’attivo un altro Ep d’esordio targato 2012 dal titolo “Perception”.

Quattro brani più un intro per Fear and Guilt, fiero portabandiera di un buon power metal dal gusto neoclassico, per via dei solos ultra melodici e di chiara ispirazione malmsteeniana dell’ottimo Paulo Santos, anche produttore del disco insieme a Tiao Costa, a sua volta batterista della band.
Completano la formazione il bassista Carlos Luz ed il vocalist Migas Magalhaes, mentre in veste di ospite troviamo il tastierista E.Nunes.
Come tipo di approccio alla materia, i ragazzi portoghesi ricordano i Majestic di Apollo Papathanasio che, a cavallo dell’inizio del nuovo millennio, sfornarono due bei dischetti di metal neoclassico e molto power nelle ritmiche come “Abstract Symphony” e “Trinity Overture”.
Qui non siamo ancora ai livelli della band svedese, ma gli Hard Tension mostrano comunque grinta, le song sono buone e non mancano di assoli che piaceranno agli amanti dei virtuosi della chitarra, così come ai metallari dai gusti in linea con le produzioni 80/90 del genere.
Molto buone Harder Faster, Heading for the Light (bel brano di metal ottantiano tra Maiden e il Malmsteen di “Trilogy” e “Lords of Salem”) e da rimarcare, in particolare, anche la voce di Migas, grintosa e sporca il giusto per non risultare la solita sirenetta priva di personalità.
Gli Hard Tension non fanno gridare al miracolo ma confezionano ugualmente un buon prodotto, da ascoltare in attesa di un di un eventuale lavoro sulla lunga distanza.

Tracklist:
1. Serenade of Fall
2. Harder Faster
3. Fear and Guilt
4. Heading for the Light
5. Lords of Salem

Line-up:
Paulo Santos – Guitars
Migas Magalhaes – Vocals
Carlos Luz – Bass
Tiao Costa – Drums

HARD TENSION – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Druzzo
    Posted at 14:22h, 01 Luglio Rispondi

    Crappy band, poor quality. The guitarrist sucks.

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo