Haemoth – In Nomine Odium

Haemoth - In Nomine Odium: In nomine odium, nel nome dell'odio, in tutto e per tutto; odio che trasuda da ogni secondo di questo disco, il terzo pe...

Haemoth – In Nomine Odium

In nomine odium, nel nome dell’odio, in tutto e per tutto; odio che trasuda da ogni secondo di questo disco, il terzo per questo duo francese attivo dal 1998.

Voce chitarra e batteria che ci guidano nel lato oscuro, quello dove si annida il male. Questo è un disco di black metal old school, distorto, caotico ed oscuro, primordiale come lo è stato il black metal delle origini. Gli Haemoth sono un gruppo proveniente dalla Francia, e questa nazione negli utlimi tempi ha preso prepontemente una posizione di rilievo, se non il trono, del black metal, dove stava assisa la Norvegia. Se ascolterete ” In nomine odium ” lo capirete, sentirete tra le piaghe malate di questo nero disco una forza che proveine appunto dall’odio. Odium creatore, poichè porta a suonare dischi come questo, che nonostante seguano l’antica via del sinistro sentiero, suona molto originale e pieno. Il futuro del black metal passa peri gruppi come gli Haemoth che non innovano ma sono estremamente fedeli alla linea, capaci di raccontare il male adorandolo. Unìaltra grande uscita targata Debemur Morti.

waww.debemur-morti.com

HAEMOTH-IN NOMINE ODIUM

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.