iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Guardian Alien – See The World Given To A One Love Entity

Guardian Alien - See The World Given To A One Love Entity: Di esperienze psichedeliche la Thrill Jockey continua ad offrircene in quantità industriale, toccando in molti casi picc...

Guardian Alien – See The World Given To A One Love Entity

Di esperienze psichedeliche la Thrill Jockey continua ad offrircene in quantità industriale, toccando in molti casi picchi di eccellenza (Arbouretum, Wooden Shijps, Pontiak, White Hills) che fa davvero piacere scovare in mezzo all’oceano sempre meno navigabile della sovrapproduzione discografica annuale.

Cosine davvero belle che, talvolta, ti regalano quei momenti di relax e piacere che ti fanno dimenticare la corsa all’ascolto frenetico e ti ricordano il motivo per il quale sei lì, seduto a una cazzo di scrivania, a scrivere di musica.
Questa volta i signori della Thrill hanno osato ancora di più, mettendo sotto contratto i Guardian Alien, che in una ideale enciclopedia del rock sarebbero da cercare sotto la voce le band psichedeliche più folli del pianeta terra. Questo “See the World Given to a One Love Entity” è il loro secondo album e, insieme, un ambizioso e arrogante (in senso buono) biglietto da visita. Un disco che, difficilmente, data la struttura con la quale è stato concepito (una sola canzone della durata di 40 minuti), riuscirà a fare breccia negli ascolti del pubblico meno attento, quello abituato alla squallida sicurezza delle stupide canzoncine formato radiofonico. Un lavoro che però, ai lettori di In Your Eyes, dovrebbe far drizzare bene le orecchie. Perché è vero che la formula è poco commerciale (chi ha detto ‘sti cazzi?) ma è anche vero che il superpezzo ha proprio un sacco di cose da dire, e riesce a dirle con una naturalezza e una passione veramente genuine.

Si parte con gli uccellini e si prosegue rockeggiando con la batteria in epilessi, per poi riposarsi immersi in un oceano di suggestioni psichedeliche sul quale affiora un approccio hard rock alla musica popolare indiana (ehm, già), o in uno stagno di affascinanti ambientazioni bucoliche. Sul finale poi, riportato a casa il fiato perduto, si torna a suonare “indianhard” con la batteria che jamma e riffa senza sosta. Niente, non c’è verso, ogni definizione che vogliate affibbiare a “See The World” suonerà come forzata. E allora prendetelo per quello che è: un trip. Già, un meraviglioso e colorato viaggio sui terreni morbidi della psichedelia hippie, su campi di bucolica trascendenza ambient e scoscesi dirupi di ossessioni noise-core. Una viaggio oltremodo rilassante che vi consiglio caldamente di intraprendere. Ne rimarrete abbagliati.

LINE-UP:
Greg Fox (batteria, voce, electronics, arrangiamenti)
Alex Drewchin (voce, synth)
Turner Williams Jr. (shahai baaja)
Bernard Gann (chitarra)
Eli Winograd (basso)

Guardian Alien

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.