Grinders – Beer On Venus

Grinders – Beer On Venus

Qui non troverete niente che non sia rock, puro e semplice, fatto per divertirsi e far divertire, lasciando che l'alto voltaggio per una cinquantina di minuti ci faccia dimenticare tutti i problemi di una vita molte volte troppo complicata.

Quale potrebbe essere una botta di vita da proporre ad un vero rocker, di quelli che, dopo una vita vissuta al limite, ha già fatto praticamente tutto?

Offirgli una birra su Venere, tanto per iniziare e, come colonna sonora alla grassa bevuta, il tosto rock’n’roll dei Grinders, band triestina che licenzia questa bomba hard rock dal titolo Beer On Venus.
Nato nel 2006 come cover band dei mostri sacri del rock anni settanta e ottanta, il gruppo nel 2009 ha dato alle stampe un ep di cinque brani, arrivando finalmente al traguardo del primo album dopo sei anni di intensa attività live.
Il sound dei nostri è un ottimo hard rock sulla scia degli Ac/Dc, colmo di ipervitaminiche dosi di rock’n’roll e blues alcolico, una manna per i fans del genere, puro, sanguigno e adrenalinico.
Dalla prima all’ultima nota Beer On Venus sprizza divertimento da tutti i pori, i watt si sprecano, l’album fila via che è un piacere rifilando una serie di tracce dove i riferimenti ai migliori act del genere (oltre ai già citati miti australiani) sfilano tra le note sguaiate dell’album.
Ce n’è per tutti i gusti, dagli ZZ Top ai Rose Tattoo, dai più giovani Airbourne all’hard & heavy old school, il tutto valorizzato da un ottimo songwriting, artefice della buona qualità media di tutti i brani presenti.
Non ci si stanca e inevitabilmente si torna a saltellare per la stanza, le canzoni prendono al primo ascolto e vi ritroverete a canticchiare refrain irresistibili come quelli della title track, Dirty Woman, di John The Rich e Party Animals.
Poi quando il demone del blues prende il sopravvento, allora, finita la bottiglia di Jack Daniel’s, vi ritroverete a dondolare il testone pesantissimo sulle note della sporca ed alcoolica The Devil’s Right Hand.
La band viaggia che è un piacere, qui non troverete niente che non sia rock puro e semplice, fatto per divertirsi e far divertire, lasciando che l’alto voltaggio per una cinquantina di minuti ci faccia dimenticare tutti i problemi di una vita molte volte troppo complicata.
Se cominciassimo a supportare sul serio queste band, invece di continuare a seguire dinosuari alle prese con spettacoli circensi che ci vengono rifilati puntualmente ogni estate, faremmo zittire gli sciocchi che continuano ad affermare, a torto, che il rock è morto … buona la prima, Grinders.

Tracklist:
1.Intro
2.Don’t Waste Time
3.Beer On Venus
4.Dirty Woman
5.Lazy Jim
6.The Devil’s Right Hand
7.Fast Freedom
8.Man With the Knife
9.John the Rich
10.Daisy’s Burning Hands
11.Party Animals
12.Lady, Come With Me Tonight
13.Tits

Peter “Kampfbumbr” Paulin – Frontman, Lead Vocals
Ivan “The Kid” Rauber – Bass, Vocals
Marko “Zerzi” Zerial – Guitars, Lead Guitars, Backing Vocals
Walter “Pivex” Vodopivec – Drums, Backing Vocals
Marko “Gantara” Gantar – Lead Guitars, Guitars

GRINDERS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.