Gorilla Pulp – Hell In A Can

Gorilla Pulp - Hell In A Can: 30 secondi di suoni di giungla, di probabili animali pronti ad attaccare, introducono Mean Devil Blues, prima traccia de...

Gorilla Pulp - Hell In A Can

Gorilla Pulp – Hell In A Can

30 secondi di suoni di giungla, di probabili animali pronti ad attaccare, introducono Mean Devil Blues, prima traccia dei viterbesi Gorilla Pulp.
Gorilla e scimmie, dunque, ma non “monkey business”, qui si parla di roba seria.
Hell In A Can è il loro primo EP, tolta l’intro, sono 3 canzoni per un minutaggio di 15 minuti di fuzzy psycho stoner rock blues estremamente accattivante. Atmosfere southern, ruvide, grezze e aggressive.
Il basso pulsante di White Mammuth anticipa riff di chitarre e assoli dilatatati, che fungono da teletrasporto per lande deserte e polverose, in cui trovare un bar e bere bourbon e coca.
Witchcraft è molto black sabbathiana, ma senza mai esagerare. I diversi rimandi sono mescolati in modo equilibrato.
Divertente il video, pulp, grazie anche alla scelta di inserire due porno attrici molto prosperose, a conferma del nome scelto dal gruppo.
Troppo breve però l’ascolto per poter dare un giudizio più articolato: molto promettenti, ma da rivalutare sulla lunga durata.

https://www.facebook.com/gorillapulpofficial

Tracklist :
1. King of the Jungle
2. Mean Devil Blues
3. White Mammuth
4. Witchcraft
Line-up :
Maurice Flee : Chitarra, Voce
Rock Choris : Basso, Voce
Angioletto Mr. Vernati : Chitarra, Voce
Giorgio “Bulldozer” Pioli : Batteria

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o piĂą semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacchĂ© questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.