iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Good For One Day – Time And Again

Nati nel settembre 2006 i vicentini Good For One Day sono nati come progetto di hc melodico, e in seguito si sono evoluti e si sono avvicinati maggiormente ad un suono debitore a The Get Up Kids e agli ultimi Foo Fighters.

Good For One Day – Time And Again

Si sente subito che questi ragazzi hanno le idee chiare, sanno cosa suonare e si avvalgono dell’ottima produzione di Maurizio Baggio presso l’Hate Recording Studio. Poi il tutto è stato masterizzato a Chicago presso lo Staff Mastering Studio. E proprio il suono americano la fa da padrone, infatti questi ragazzi hanno una devozione totale a quel tipo di emocore moderno, nel senso più positivo di un termine spesso connotato negativamente. I Good For One Day sono un gruppo che se supportato adeguatamente può raggiungere un buon livello sia nazionale che internazionale. Questo è il loro secondo disco sulla lunga distanza, dopo un ep del 2008 e il primo full lenght “A story never told” uscito nel 2010. Nel frattempo i nostri hanno suonato con molti nomi importanti di questo genere come gli italiani Dufresne e Vanilla Sky, gli americani The Get Up Kids e tanti altri. Saranno prossimamente in concerto lungo lo stivale.

Tracklist :
1 Dead wrong
2 Runaway
3 John Doe
4 Ad vitam
5 The weakest beach
6 Leftovers
7 Two – face feat. Dominik
8 Circle
9 Call it a day
10 Empire
11 We’re about to live
12 Vega

Line-up:
Nicola Salzillo: voice
Gimmy Gennari: guitar & voice
Marco Pittarlin: guitar
Matteo Piccolo: bass & backvoice
Luca Dal Pozzolo: drums

GOOD FOR ONE DAY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.