iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Funeris – Waning Light

Esordio sulla scena di questa one man band argentina denominata Funeris, alle prese con un’interessante proposta incentrata su un funeral doom dalle sembianze sufficientemente melodiche.

Funeris – Waning Light

Esordio sulla scena di questa one man band argentina denominata Funeris, alle prese con un’interessante proposta incentrata su un funeral doom dalle sembianze sufficientemente melodiche.

Alejandro Sabransky, se vogliamo, è una sorta di versione sudamericana del belga Déhà (Slow, Imber Luminis, C.O.A.G.), trattandosi anch’egli di un musicista che, con i suoi svariati progetti solisti, spazia tra tutti i generi estremi; non so effettivamente quale livello possa aver raggiunto con le sue altre creature 1917 e Bokrog ma, per quanto concerne i Funeris, l’esito è del tutto soddisfacente.
Waning Light è un album nemmeno particolarmente lungo (circa tre quarti d’ora ) per gli standard del genere che, fondamentalmente, consta di tre brani portanti, tutti al di sopra dei dieci minuti, e di altrettante tracce strumentali che, in ogni caso, rappresentano qualcosa in più che semplici momenti di passaggio e ben si integrano con i restanti episodi.
Mórbidos Deseos, Black Scent of Death e Cielo de Barro y Sangre si muovono nei dintorni di un funeral piuttosto lineare ma eseguito con notevole buon gusto ed intriso di sufficiente pathos, grazie all’uso sapiente delle tastiere e della chitarra e ad un growl decisamente all’altezza.
Le coordinate sonore ci riportano direttamente a quelle che, oggi, sono le band che meglio interpretano queste sfumature del genere, ovvero Ea e Monolithe, senza dimenticare i più recenti e già citati Slow, mentre, volendo fare ancora un passo indietro, citerei anche i magnifici Colosseum come possibile fonte di ispirazione per il musicista di Buenos Aires.
Waning Light è, nel complesso, un lavoro davvero ben riuscito e che sicuramente non deluderà chi predilige questo tipo di sonorità, alla luce di brani monolitici quanto intensi, tra i quali spicca la perla costituita da Black Scent of Death, capace di raggiungere picchi emotivi ragguardevoli.
Bella scoperta questi Funeris, altro nome da annotare nell’agenda di chi non è mai sazio di sonorità intrise di mestizia e di malinconia.

Tracklist:
1. Vorspiel
2. Mórbidos Deseos
3. Waning Light
4. Black Scent of Death
5. Cielo de Barro y Sangre
6. Mournful Winds

Line-up:
Alejandro Sabransky – Vocals, Guitars, Bass, Programming

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.