Funeral Mantra – Demo 2013

Un demo di quattro brani che si rivela una valanga stoner dall'ottimo piglio.

Funeral Mantra – Demo 2013

Dopo un inizio come cover band dei pezzi da novanta dello Stoner/Doom, cambi di formazione e assestamenti che agli inizi sono naturali, i romani Funeral Mantra si autoproducono questo demo di quattro brani che si rivela una valanga stoner dall’ottimo piglio, capace di far sbattere la testa a piĂą di un rocker.

La band mette in questo dischetto tutta l’esperienza accumulata in questi anni di gavetta sul fronte live, avendo suonato un pò ovunque a Roma e dintorni, oltre che una passione immensa che si avverte in ogni passaggio di queste ottime tracce.
Si parte subito in quinta con Parsec, un pugno in faccia stoner Metal, aiutato dalla voce di Simone, sorta di Zakk Wilde ipervitaminizzato che, se ce ne fosse ancora bisogno, rende la song ulteriormente piĂą potente.
Non è solo per il vocalist, ma i Black Label Society (di quello che a mio parere è uno dei più grandi chitarristi americani in circolazione, oltre che songwriter eccezionale e personaggio dal carisma immenso) sono presenti in un pò tutto il lavoro, specialmente quelli di “Sonic Brew”, “1919 Eternal” e “The Blessed Helride”, amalgamati a dovere con Black Sabbath e Spiritual Beggars.
Funeral Mantra, la song, è appunto un brano che, all’inizio, ricorda “Planet Caravan”, dall’immenso “Paranoid”, per poi esondare in uno straripante torrente stoner dove la band, con una grande prova, porta la musica dei seventies nel 2014.
Gravestones Reveries ha le fattezze di una lunga Jam, nella quale il combo dimostra di saper variare il sound anche in corso d’opera, con una parte centrale piĂą riflessiva ed un assolo che va a scomodare gli Zep e la loro “No Quarter”.
Drifting, posta in chiusura, ritorna su coordinate BLS, con Simone ancora protagonista, vera ciliegina sulla torta per i Funeral Mantra che, a questo punto, aspetto impaziente all’appuntamento sulla lunga distanza.

Tracklist:
1.Parsec
2.Funeral Mantra
3.Gravestones Reveries
4.Drifting

Line-up:
Simone”Dude” – Vocals
Richard – Guitar
Randy – Guitar
Vittorio – Bass
Zionano – Drums

FUNERAL MANTRA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano