iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Frozen Dawn – Those Of The Cursed Light

Una cinquantina di minuti del tutto privi di momenti di stanca e convincenti su tutta la linea costituiscono l’ampio viatico per una promozione a pieni voti nei confronti dei Frozen Dawn

Frozen Dawn – Those Of The Cursed Light

La constatazione che della scena black metal spagnola non è che, in fondo, si sappia un granché, può trovare ragionevolmente una spiegazione nel fatto che si tratta di un movimento piuttosto ridotto a livello numerico, se non altro mettendolo a confronto con quelli delle altre grandi nazioni mediterranee.

I madrileni Frozen Dawn, però, ci mettono del loro per colmare tale lacuna presentandoci questo secondo lavoro su lunga distanza a base di un black stilisticamente definibile old schoool, ma sicuramente dotato di un groove e di un impatto melodico in grado di distinguerlo dall’essere una bieca riproposizione dei “bui” tempi che furono.
Del resto qui, piuttosto che Mayhem, Emperor od Immortal, troviamo atmosfere più vicine al versante svedese del genere, Necrophobic, Naglfar e anche Dark Funeral, in primis, ma resta il fatto che l’album si regge ampiamente sulle proprie gambe grazie a brani efficaci, memorizzabili, ottimamente eseguiti e dallo sviluppo armonico sempre ben presente. Molto di più, quindi, rispetto al canonico palla lunga e pedalare di matrice black’n’roll, Those of the Cursed Light vive anche di variazioni sul tema ed ampie fughe chitarristiche eseguite con gusto classico e capaci di marchiare a fuoco ogni singolo brano.
Lo screaming robusto di Grinder è appropriato e non infastidisce mentre il resto della band si esibisce con una certa precisione supportando il prezioso lavoro della chitarra solista, che trova la propria sublimazione in brani quali Blackened March, la title-track, la magnifica Nocturnal Sacrifice, l’altrettanto coinvolgente The Triumph of God Frost e la conclusiva e dal sentore epico, Kalte Seele, cantata in tedesco.
Una cinquantina di minuti del tutto privi di momenti di stanca e convincenti su tutta la linea costituiscono l’ampio viatico per una promozione a pieni voti nei confronti dei Frozen Dawn, i quali ci dimostrano una volta di più che si può suonare dell’ottimo black metal anche in paesi che evocano immagini di spiagge assolate piuttosto che quelle di sterminate ed innevate foreste.

Tracklist:
1. Banished, the Everlasting Confinement
2. Blackened March
3. Those of the Cursed Light
4. Circles of Frostbitten Ice
5. Nocturnal Sacrifice
6. Under Thy Throne
7. The Triumph of God Frost
8. Eternal Frost
9. Kalte Seele

Line-up:
Grinder – vocals & guitar
Arjan – drums
Davinia – bass & backing vocals
Lord Morgoth – guitar

FROZEN DAWN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico