iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Free Shots – Vorrei Tanto Dir

ci troviamo di fronte ad un gruppo che vuole fare divertire attraverso una musica molto adatta allo scopo, e al contempo vuole anche lanciare dei messaggi attraverso testi molto interessanti e ben scritti.

Free Shots – Vorrei Tanto Dir

Esordio discografico per i Free Shots, gruppo genovese di swing ed electro swing strettamente connesso al pop.

Questi cinque ragazzi hanno un grande seguito fra gli amanti dello swing, grazie ai loro grandi live. Ascoltandoli su disco si capisce perché la gente si muove così tanto ai loro concerti. I Free Shots hanno una profondità inusuale per gruppi electro swing, poiché la maggioranza dei gruppi di questo genere tendono a scrivere motivetti orecchiabili che hanno anche il lor perché, ma qui ci troviamo di fronte ad un gruppo che vuole fare divertire attraverso una musica molto adatta allo scopo, e al contempo vuole anche lanciare dei messaggi attraverso testi molto interessanti e ben scritti. La musica è un incrocio tra swing, electro swing, pop e intrecci balcanici, perché alla fine il ritmo è il ritmo, puoi dargli il nome che vuoi, ma dischi come questo vanno ben oltre le definizioni.

Vorrei Tanto Dir è anche un’ottima opera di sintesi fra diverse emanazioni di quella che viene chiamata swing ma è soprattutto un modo di vedere e di vivere la musica e la vita. Molto presente si sente la tradizione melodica italiana, spesso andiamo a prendere molto lontano le sette note, ma ascoltando i Free Shots ci si rende conto che c’è un’interessantissima tradizione musical italiana che sta lì latente, ma sempre viva. Canzoni come Siamo Tutti Profughi vorrebbero scriverle gruppi ben più blasonati, e ai Free Shots viene fuori fresca e naturale. Oltre ad atmosfere di vita liberty e antiche, qui c’è anche la modernità e la vita di tutti i giorni, usando l’electro swing per raccontare le nostre giornate.

Il disco è composto da sette inediti, che risaltano le doti tecniche e non sol odi questi ragazzi, e tre cover, Blurred Lines, Bad Romance, e la medley Parla Più Piano \ In Cerca Di Te, la prima parte del defunto Boncompagni. Le cover sono ovviamente Free Shots e testimoniano la grande capacità di fare spettacolo del gruppo, perché oltre alla musica c’è molto di più. In alcuni momenti del disco c’è una dolcissima malinconia che pervade il suono, forse figlia del loro forte legame con la loro città natale Genova, capitale mondiale della malinconoia. Un disco molto bello ed estremamente godibile, che piacerà moltissimo anche a chi non è avezzo nei dancefloor swing.

Notevole anche la produzione molto curata di Michele Marino Gallina, che fa rendere tantissimo la splendida voce di Giuditta Frigerio e il grande ritmo dei Free Shots.

TRACKLIST
1. Lo Swing Inarrestabile
2. Bella Di Notte
3. Siamo Tutti Profughi
4. Blurred Lines
5. Notte In Terza Fila
6. Il Mio Vestito Azzurro
7. Bad Romance
8. Monnezza
9. Parla Più Piano/In Cerca Di Te
10. Vorrei Tanto Dir
G. Cassinelli

LINE-UP
Giuditta Frigerio – voce.
Alberto Ansaldo – piano, violino, fisarmonica, cori.
Luca Caracciolo – contrabbasso, bassi, cori.
Mattia Ciuffardi – batteria, percussioni, fischio, cori.
Guglielmo Cassinelli – chitarre, banjo, mandolino, ukulele, percussioni, programmazione, cori.

URL Facebook
http://www.facebook.com/FreeShotsBand

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre

Dark Oath – Ages of men

I Dark Oath sono un gruppo portoghese di death metal sinfonico con voce femminile e “Dark ages” è il loro secondo disco, dopo il debutto intitolato “When Fire Engulfs the Earth”.