fraulein alice-i love you lucilia

fraulein alice-i love you lucilia 1 - fanzine

fraulein alice-i love you lucilia

E’ nel 2009 che nascono i Fraulein Alice (Livio Lombardo, Andrea Curcuraci, Filippo Drago, Lorenzo Arcidiacono, Fabio Esposito), ma è solo a distanza di tre anni che debuttano sulla lunga distanza. I Love You Lucilia, uscito per Seahorse Recordings e prodotto da Paolo Messere, racchiude tutta l’esperienza e le idee sviluppate dalla band in questa prima fase di attività.

L’apertura del disco è affidata prima a Whore Or Less che, tra chitarre ruvide ed elettronica in briciole, scorre inquieta, nascondendo la voce sotto la coltre sonora, e poi a Easy Goal Up che, molto più ordinata e composta, scorre tranquilla e rilassata tra lievi venature di malinconia e voce cantilenata (anche qui leggermente nascosta). Videodrome Monochrome, caratterizzata da una voce sconfitta, galleggia su profonde note di chitarra, cullando e lasciando pensierosi (esattamente come la successiva These Things Could Happen (In A Laundry)). Road To Berlin, inizia lenta come i precedenti pezzi, ma cambia pelle e schizza veloce su ritmiche sostenute e chitarre corpose (come se si stesse fuggendo nella notte), mentre Pah Pah Bloody Blue, canzone piacevole ma fuori luogo, tira in gioco sonorità e piglio blues. All Ways riprende il discorso da dove era stato interrotto, ritornando su tematiche crepuscolari quanto inquiete (batteria e voce in primo piano, chitarre effettate sulle sfondo) e aprendo alla delicata e composta What Else che, lenta e malinconica, esplode graffiante e disorientante nei ritornelli. Give Me A Name, infine, giocata su un piacevole tappeto ritmico su cui prendono vita piccoli rumorismi, scorre in crescendo fino alla conclusiva Ogres In Heaven che, ancora orientata su delicatezza e malinconia, conclude avvolgendo per tutta la sua durata.

Ascoltando il disco dei Fraulein Alice non possono che venire in mente due pensieri: il primo è che la band ha sicuramente del potenziale, il secondo è che molte cose devono ancora essere calibrate e smussate. I Love You Lucilia è un lavoro che alterna momenti interessanti (per esempio i due pezzi conclusivi) ad altri ben più trascurabili (l’iniziale Whore Or Less, la blueseggiante Pah Pah Bloody Blue) e dove alla sicurezza (seppur acerba) della parte strumentale si contrappone l’incertezza del cantato.

TRACKLIST:
01. Whore Or Less
02. Easy Goal Up
03. Videodrome Monochrome
04. These Things Could Happen (In A Laundry)
05. Road To Berlin
06. Pah Pah Bloody Blue
07. All Ways
08. What Else
09. Give Me A Name
10. Ogres In Heaven

fraulein alice-i love you lucilia

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.