Francesco Vannini – Tornando A Noi

Francesco Vannini – Tornando A Noi

Un album che lascia piuttosto delusi

Il siciliano Francesco Vannini, cantautore con già un ep alle spalle e una discreta esperienza in ambito musicale, debutta per Seahorse Recordings con gli undici brani di Tornando A Noi. L’album, incentrato su un pop/folk/cantautorato che ricorda facilmente De Gregori e gli anni ’70, prova a coinvolgere, ma risulta spesso spento e privo di verve.

A dare il via all’opera è il combinarsi di chitarra e pianoforte della pacata e leggermente in crescendo Le Mongolfiere (lentamente si aggiungono anche archi, batteria, basso e altro ancora), mentre a proseguire sono il basso pulsante de L’Uomo Che Sapeva Troppo (immerso in sonorità vagamente rock, ma non molto convincenti) e il leggero procedere, tra inserti di organo, della piuttosto anonima Tornando A Noi.
Lo spirito pacato di Soltanto Una Canzone, acquisendo vigore nella seconda parte (merito della chitarra elettrica), introduce i cori spenti della poco efficace L’Ultimo Show e la ben più riuscita Verde Assenzio (ottimi ritornelli, morbide melodie).
I tre minuti abbondanti di Qui, invece, lasciando maggior spazio alla componente elettrica, ci riportano ad esser dubbiosi sulla qualità effettiva dell’intero album, lasciando che a metterci una pezza siano l’ottima Il Viaggio (alla voce compare anche Goran Kuminac) e il ritmato spirito coinvolgente di Megalomania.
Prima O Poi, infine, partendo pensierosa e riflessiva, si schiarisce nella seconda parte, cedendo all’ariosa e calda Un Uomo Qualunque, il compito di chiudere.

Degli undici brani presentati da Francesco Vannini, quelli che fanno veramente una buona impressione sono principalmente Verde Assenzio, Il Viaggio e Megalomania. Tutto il resto appare piuttosto spento, poco convinto e non molto ispirato. Ci troviamo di fronte a un disco alquanto insipido e piatto, in cui la sufficienza la si raggiunge solo grazie ai tre brani citati e al fatto che, bene o male, le canzoni sono comunque suonate e registrate ottimamente. Un album che lascia piuttosto delusi.

TRACKLIST
01. Le Mongolfiere
02. L’Uomo Che Sapeva Troppo
03. Tornando A Noi
04. Soltanto Una Canzone
05. L’Ultimo Show
06. Verde Assenzio
07. Qui
08. Il Viaggio
09. Megalomania
10. Prima O Poi
11. Un Uomo Qualunque

FRANCESCO VANNINI – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.