Five Minutes Hate – Explanation To Failure

Five Minutes Hate – Explanation To Failure

Esordio per questo gruppo di Borgomanero, fautore di un death metal melodico molto vicino allo stile svedese del periodo d’oro.

Dopo gli inizi nei loro dintorni i Five Minutes Hate stabilizzano la loro formazione e dopo qualche anno di stop dovuto a defezioni, riescono a darsi una direzione che è appunto quella del death metal melodico. I ragazzi piemontesi suonano bene e hanno uno stile ben definito e riconoscibile nel quale riescono a coniugare potenza e melodia, senza far prevalere una sull’altra, bilanciandole molto bene entrambe. Il disco scorre molto bene ed è davvero piacevole, con un death metal melodico che regala diverse gioie. Ascoltando il disco si intuiscono le ancora maggiori potenzialità del gruppo, che è già su di un buon livello, ma può crescere ancora e molto. Come debutto è azzeccato, anche grazie all’esperienza del gruppo, che non suona certo da ieri. Il death melodico è un genere molto frequentato, ma i gruppi capaci non sono molti, anche perché se non si è bravi questo generein stile svedese è molto scivoloso, conducendo al kitsch in un attimo. I Five Minutes Hate regalano trentasette minuti e rotti di odio genuino e melodie metalliche.

TRACKLIST
1.Change Your Life
2.Past, this Stranger
3.After the Storm
4.Bad Memory
5.Cem Anahuac
6.Panic in Your Eyes
7.Coward
8.Bowels of Eternal Damnation
9.Damnatio Memoriae
10.Devastation

LINE-UP
Viddi – vocals
Marco – guitar
Alto – guitar
Igor – bass
Tia – drums

FIVE MINUTES HATE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati