iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Fangtooth – … As We Dive Into The Dark

Un lavoro apprezzabile per chi ama il versante più tradizionale del doom

Fangtooth – … As We Dive Into The Dark

A tre anni dall’omonimo disco d’esordio i siciliani Fangtooth tornano a riproporsi il loro doom dai tratti tradizionali, sulla scia dei consueti Candlemass, Saint Vitus, Solitude Aeturnus e compagnia.

L’album si snoda lungo tre quarti d’ora circa senza particolari scossoni, non tanto per una presunta piattezza del sound dei messinesi quanto per un andamento regolare che non evidenzia picchi qualitativi memorabili ma neppure cadute di tono. Ne scaturisce, quindi, un lavoro apprezzabile per chi ama il versante più tradizionale del doom, in virtù di buonissimi brani come Of Flesh and Bolts, Scylla e la conclusiva Lord of a Kingdom Dead.
Pregio e difetto di … As We Dive Into The Dark è paradossalmente proprio questa sua coerenza stilistica che se, per un verso, garantisce uno standard apprezzabile, dall’altro, quando non viene supportata dal colpo del fuoriclasse, rischia di risultare a tratti un po’ pesante.
Detto questo, l’integrità dei Fangtooth è fuori discussione e l’interpretazione del genere è di livelli tali da rendere l’album un ascolto oltremodo gradevole per gli appassionati.
Peraltro, da amante del versante più funereo del doom non ho potuto fare a meno di approvare il finale della traccia di chiusura, con l’incedere dolente della chitarra a mostrare quel lato più oscuro che il combo siciliano potrebbe provare ad esplorare in futuro con maggiore convinzione.
… As We Dive Into The Dark è, al tirar delle somme, un lavoro valido, reso ancor più apprezzabile dalla genuina dedizione dei ragazzi messinesi per questo meraviglioso genere musicale, anche se i margini per fare meglio di certo non mancano.
Per ora, all’interno del movimento “traditional doom” italiano, i Fangtooth si assestano agevolmente al centro del gruppone all’inseguimento di fuggitivi, al momento imprendibili, quali soprattutto Doomraiser e Black Capricorn.

Tracklist:
1. Funeral in December
2. Of Flesh and Bolts
3. No Tomorrow
4. Memories of a Forgotten Season
5. Scylla (The Bitch That Lurks in the Abyss)
6. The Wild Hunt
7. Lord of a Kingdom Dead

Line-up:
Grendel the Animal – Drums
Painkiller – Guitars
Sfack – Vocals, Guitars
Damien Thorne – Bass

FANGTOOTH – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico