ever more vast – would you believe?

Pubblicato il

Scritto da

Terzetto aostano,la stessa città dei Kina (che con loro c’entrano poco) ma che fa sempre piacere citare,dalle tinte oscure questi Ever most vast sono già celebri in Italia e non solo e,ascoltandoli,non si fa fatica a comprenderne il motivo.
Per quanto mi riguarda con questo tipo di suoni ho una familiarità che risale addirittura alla mia adolescenza,quando, da giovincello frustrato e poco avvezzo alle avventure sentimental-sessuali, mi crogiolavo in suoni e letture darkeggianti.

Ma tralasciando le mie,ormai remote,vicissitudini passiamo a parlare di questo “Would you believe?” e dei suoi autori che,come prima istanza,presentano una soave voce femminile che fa tanto Siouxsie.
Ma i loro meriti non terminano certo qui,visto che offrono un suono per nulla risaputo che li aiuta a rifuggere dagli angusti steccati di un genere altrimenti abusato.
Analizzando più attentamente i pezzi non si può che complimentarsi con loro per avere il coraggio di coverizzare la CANZONE (la mia preferita di tutti i tempi) “Love will tear us apart” e di farlo con risultati più che confortanti.
Altri brani che ho notevolmente apprezzato sono “Sleep” e “Limelight”,quest’ultima con un gran bel intro di piano (sono anch’io un romanticone cosa credete?);”Loony” che fa tanto Cure meno elettrici e più decadenti per poi diventare una filastrocca barocca;”Would you believe?” dotata di un arpeggio quasi smithsiano e “About you ” e “Pure” nelle quali rieccheggiano addirittura i primi U2,sia chiaro che per me si tratta di un complimento.
Evitabile invece il remix finale che farò finta di non aver sentito e che ho già eliminato dal contesto per non rovinarmi il piacere di ascoltare un album cosi’ bello.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.