Eskhaton – Worship Death

Prova appena sufficiente per il furioso combo australiano degli Eskhaton, con il loro monolitico brutal death metal.

Eskhaton – Worship Death

Metti il cd nel lettore e quando il laser comincia a leggere le tracce vieni investito dalla furia iconoclasta di Nekrochant, primo cortissimo brano del secondo full-length degli australiani Eskhaton, realtà brutal death di Melbourne, che segue l’esordio “Nihilgoethy” del 2011.

Brutal si diceva, con più di un passo in territori grindcore, caratterizzato da una velocità supersonica, un growl mostruoso da parte del vocalist e chitarrista Invokocide e blast beat come se piovesse.
Purtroppo il lavoro ha due grossi difetti che ne minano la fruibilità: la totale mancanza di un accenno al benchè minimo cambio di tempo e la prolissità dei brani,che vanno quasi tutti ad avvicinare i cinque minuti rendendo l’ascolto una fatica improba.
Ci si fa violenza ad arrivare in fondo a questo disco, nonostante le buone premesse mostrate dai i primi brani che esplodono in tutta la loro straordinaria violenza, senza lasciare scampo al povero ascoltatore di turno.
I quattro australiani (oltre al citato vocalist-chitarrista, Hammerkill a frantumare pelli, Abyssnil al basso e Whirlwinded che si divide tra la sei corde e il basso) sono musicisti capaci, ma qui è la fantasia a latitare completamente rendendo il lavoro un macigno di oltre cinquanta minuti di difficile digestione.
La title-track, Dark Era e Skeleton Shrine sono gli episodi migliori di Worship Death, laddove qualche stacco rende le canzoni leggermente più varie in un album esclusivamente adatto ad accaniti sostenitori dei suoni più estremi e di annichilente violenza.

Tracklist:
1. Nekrochant
2. Obdeathed
3. Abhorrent Primaeval Devilry
4. Worship Death
5. Khromcidium
6. Esotrans
7. Deifire
8. Skeleton Shrine
9. Dark Era
10. Antilife Antichrist
11. Outro

Line-up:
Invokocide – Vocals, Guitars, Bass
Hammerkill – Drums
Whirlwindead – Guitars, Bass
Abyssnil – Bass

ESKHATON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”