iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Escarre – Une Vou?te Sans Clef

Non si può certo considerare questo degli Escarre un esperimento fallito, anche se alla fine il bacino d’utenza a cui i contenuti di Une voûte sans clef vengono rivolti è necessariamente molto ristretto: chi si riconosce in questa cerchia, però, potrebbe apprezzare il tutto non poco.

Escarre – Une Vou?te Sans Clef

Il trio canadese Escarre arriva da molto più lontano rispetto a quanto faccia pensare il fatto che Une voûte sans clef ne risulti l’album d’esordio.

Infatti, i primi passi del progetto sono rinvenibili già ad iniziò secolo quando, con il monicker Esker, vennero dati alle stampe tre demo.
Di fatto, la band riunisce tre musicisti provenienti da due band funeral doom piuttosto quotate, Longing For Dawn e Towards Darkness, ma il sound proposto è ben lontano da quei lidi anche se, specie nella prima, una certa vena sperimentale è sempre stata presente.
L’avantgarde metal degli Escarre racchiude, così, in sé pregi e difetti insiti in questa definizione: molti spunti interessanti finiscono sepolti all’interno di un sound dissonante, di assimilazione dannatamente complessa e con l’aggravante della scelta di optare per vocals pulite invero poco incisive piuttosto che per soluzioni più grintose e, a mio avviso, più consone alla robustezza di fondo del sound.
Scelte che, come detto, non favoriscono la fruizione di un lavoro impeccabile dal punto di vista esecutivo, dato che i nostri dimostrano d’essere degli ottimi musicisti, ma Une voûte sans clef sembrerebbe essere più una lecita valvola di sfogo per chi è abituato a sonorità maggiormente controllate e, ovviamente, rallentate.
Gli Escarre esibiscono più di una volta passaggi brillanti che la natura avanguardistica dell’album finisce per disperdere benché il trio, gli va dato atto, non indulga nemmeno più di tanto in onanismi strumentali che sovente sono connessi ad uscite di questo tipo.
Difficile memorizzare un brano in particolare (ma non credo neppure che questo fosse tra gli obiettivi dei nostri), anche se si ricordano piacevolmente la seconda parte della lunga Heurt violin, il successivo strumentale Méandres triangulaires ed il più arioso finale di Une ciguë pour cure.
In definitiva, non si può certo considerare questo degli Escarre un esperimento fallito, anche se alla fine il bacino d’utenza a cui i contenuti di Une voûte sans clef vengono rivolti è necessariamente molto ristretto: chi si riconosce in questa cerchia, però, potrebbe apprezzare il tutto non poco.

Tracklist:
1. Mon ordalie
2. Heurt violine
3. Méandres triangulaires
4. Une fenêtre oubliée
5. Une ombre anémiée
6. Scène immobile
7. Mysticisme psychotrope
8. Une ciguë pour cure

Line-up:
Kevin Jones – Bass
François C. Fortin – Drums
Simon C. Bouchard – Vocals, Guitars, Keyboards

ESCARRE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico