Enraged – Jeremiad

E'tutta da scoprire questa band che arriva dall'Egitto proponendo un metal sinfonico e progressivo molto maturo.

Enraged – Jeremiad

Davvero bello questo esordio autoprodotto degli egiziani Enraged, attivi dal 2005 ma arrivati solo quest’anno all’esordio discografico.

Dalla meravigliosa e tormentata terra delle piramidi la band ci propone la propria musica che al symphonic metal, aggiunge parti accostabili al progressive, accompagnate dalla voce di Wael e dall’immancabile timbro femminile della deliziosa Rasha.
Peccato solo per gli appena ventitrè minuti di durata di Jeremiad e per una produzione che, in certi frangenti, non rende giustizia al lavoro del gruppo, molto maturo e con diversi riferimenti alla musica popolare del paese di origine, che risalta in particolare nello stile vocale della vocalist.
Si parte con un brano strumentale (Kemet) dall’andamento atmosferico, che funge da apripista alla stupenda Ma’at, dal riff orientaleggiante e con l’uso della doppia voce, una traccia che clamorosamente mi ha ricordato la Trans-Siberian Orchestra per l’approccio alla materia sinfonica, molto elegante e per nulla scontata; anche la voce maschile riporta al magnifico combo statunitense e duetta splendidamente con la sognante voce di Rasha.
Hypatie e Accomplice rievocano clamorosamente i Moon of Sorrow, il gruppo olandese colpevole di aver dato alla luce il capolavoro “Crystal Emotions” nella prima metĂ  degli anni novanta: infatti il suono delle tastiere ricorda quel fantastico album e coincidenza vuole che anche in quel caso la produzione avesse gli stessi difetti.
Chiude (purtroppo) l’’Ep la titletrack, altro brano sopra le righe dove alle influenze citate aggiungerei primissimi Stream of Passion e Opeth, che dei gruppi dediti a queste sonoritĂ  sono gli stupendi padrini.
Una band assolutamente da seguire dunque, anche se un po’ al di fuori dei normali circuiti in cui si muove la nostra musica preferita; speriamo di avere al piĂą presto notizie su un futuro full-length che, vista la qualitĂ  e la giĂ  consistente maturazione compositiva del combo è del tutto auspicabile.

Tracklist:
1. Kemet
2. Ma’at
3. Hypatia
4. Accomplices
5. Jeremiad

Line-up:
Bishoy Beast – Bass
Mostafa Tarapeshy – Drums
Wael Ossama – Guitars, Vocals
Hossam – Guitars
Sherif – Keyboards
Rasha Magdy – Vocals

ENRAGED – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacitĂ  compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese PigmĂ© Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: