Dream Circus – China White

Dream Circus – China White

L'unico neo di questo lavoro è che dura solo ventidue minuti ...

L’unico neo di questo lavoro è che dura solo ventidue minuti ma, fortunatamente, non si autodistrugge all’ascolto come i messaggi degli agenti segreti e basta schiacciare il tasto play per tornare a godere del rock alternativo dei portoghesi Dream Circus.

Il gruppo di Fazendas de Almeirim sforna il terzo lavoro sotto l’ala della Ethereal Sound Works e la supervisione (masterizzazione, mix e registrazione) di Pedro Mendes, guru del metal/rock lusitano, agli Ultrasound Studios di Braga.
La carriera dei Dream Circus inizia nel 2011 con l’esordio “Fear”, in formato mini cd, seguito l’anno dopo dal primo full length, “Land Of Make Believe”, che precede questo altro bellissimo lavoro.
Chine White è composto da sei brani di rock alternativo bello tosto, metallico il giusto per poterlo definire hard rock e devoto al sound di una delle più grandi band uscite dal calderone di Seattle nei primi anni ’90, gli Alice In Chains.
“Facelift” fece conoscere al mondo quella band e due dei musicisti più grandi della scena rock in senso assoluto: il compianto e grandissimo Layne Staley ed il suo alter ego alla sei corde, Jerry Cantrell.
Dalla band statunitense e da quell’album, i Dream Circus prendono il meglio, assicurandosi quelle atmosfere metal/rock che resero gli Alice In Chains un mondo a parte nella scena grunge dell’epoca, amati e rispettati anche dai metallari che mal digerivano il sound hard/punk di Nirvana e Screaming Trees o le sfumature settantiane di Soundgarden e Pearl Jam.
La band portoghese la sua maggiore influenza non la nasconde ma, anzi, ci costruisce con personalità il proprio sound, composto da ritmiche che sprizzano groove, duri riff metallici e voce che riscopre quel tono strascicato ma dal carisma straordinario che ha fatto storia.
In China White non c’è un brano sotto la media: certo, stiamo parlando di un ep, ma queste sei canzoni ammaliano fin dall’opener Burning Man, e i brividi si susseguono lungo tutta la tracklist che prosegue con Control, la notevole doppietta Peel e Save Yourself, con le chitarre hard rock di Ticking violentate da digressioni e cambi di ritmo perfetti, e la devastante Under Your Skin, unica concessione al verbo soundgardeniano.
Gran bel lavoro, ho cominciato a mettere le crocette sul calendario in attesa di un futuro lavoro sulla lunga distanza, mentre il dito preme per l’ennesima volta il tasto play.

Tracklist:
1.Burning Man
2.Control
3.Peel
4.Save Yourself
5.Ticking
6.Under Your Skin

Line-up:
James Powell – vocals
Fred Rosa – guitar
Pedro Lopes – guitar
Hugo Gaspar – bass
Gonçalo Silva – drums, vocals

DREAM CIRCUS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.