iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Drawers – Drawers

Cascata di note messe in ordine matematicamente, melodie sottomesse all'umana volontà, con un incedere alla Isis, o meglio ancora alla Drawers.

Drawers – Drawers

Cascata di note messe in ordine matematicamente, melodie sottomesse all’umana volontà, con un incedere alla Isis, o meglio ancora alla Drawers.

Questo gruppo di Tolosa in verità, ha uno stile tutto suo, davvero particolare, in quanto la costruzione e l’andamento delle canzoni sono una corsa alla creatività e all’incastro.
Drawers non piacerà a chi non apprezza un approccio alla musica più mentale e libero, e non piacerà a chi non si abbandona alla musica, ma pretende di trovarci qualcosa di delimitante con confini ben precisi.
Piacerà invece molto a chi vuol viaggiare dentro la musica, senza mai perdere il legame con alcune forme di musica quali il metal o l’hardcore modificato da validi cervelli.
I Drawers sono attivi dal 2006 e anche il loro primo disco del 2011 “All In One” è ottimo, ma questo loro album omonimo è stata un’epifania per me, una scoperta notevolissima, come spero possa esserlo per voi.

Tracklist:
1 Once and for all
2 Mourning
3 It’s all about love
4 Bleak
5 Take stock
6 Shadow dancers
7 Words
8 Detour

Line-up:
Niko Bastide – voce
Olivier Lolmède – batteria
Jérémie Ruiz – basso
Alexandre Berenguer – chitarra
Laurent Bringer – chitarra

DRAWERS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.