iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Den Saakaldte – Kapittel Ii: Faen I Helvete

"Kapittel II: Faen i Helvete" è un lavoro magari non imprescindibile ma sicuramente meritevole di qualcosa in più rispetto ad un semplice e distratto ascolto. 

Den Saakaldte – Kapittel Ii: Faen I Helvete

A cinque anni di distanza dall’esordio “All Hail Pessimism” ritornano i norvegesi Den Saakaldte, band formata da musicisti provenienti da gruppi black più o meno conosciuti come 1349, Fortíð e Curse, tra gli altri.

La novità maggiore rispetto al predecessore proviene sicuramente dal comparto vocale non essendoci più una presenza illustre quanto ingombrante come quella di Nicolas Kvarfort (Shining).
Questo se, da una parte, diminuisce inevitabilmente l’appeal della band venendo meno un sicuro motivo di richiamo, dall’altra costringe in qualche modo la band scandinava a ricorrere esclusivamente al valore della propria proposta per ottenere la necessaria attenzione da parte dell’audience.
L’impresa riesce parzialmente perché i Den Saakaldte sono, come detto, musicisti esperti, che conoscono in maniera approfondita la materia e quindi sono in grado di costruire un disco di buona fattura senza particolari problemi; non si può fare a meno di notare, d’altronde, che solo di rado vengono raggiunti quei picchi qualitativi capaci di rendere speciale un lavoro in un contesto affollato come quello del black metal odierno.
Tutto sommato la band nordica trova i suoi momenti migliori quando rallenta parzialmente l’andatura andando ad avvicinarsi, così, proprio alle sonorità degli Shining, come avviene nelle ottime Endeløst Øde e Ondskapens Nødvendighet, nelle quali peraltro prende ulteriormente quota la prova dietro il microfono del bravo Einar “Eldur” Thorberg.
Il resto della tracklist si assesta su un valore medio tutt’altro che disprezzabile il che rende Kapittel II: Faen i Helvete un lavoro magari non imprescindibile ma sicuramente meritevole di qualcosa in più rispetto ad un semplice e distratto ascolto.

Tracklist:
1. Din siste dag
2. Forbanna idioter
3. Du selvproklamerte misjonær
4. Endeløst Øde
5. Djevelens verk
6. Som ett arr på sjelen
7. Ondskapens nødvendighet

Line-up:
Sykelig – Guitars
Seidemann – Bass
Tybald – Drums
Einar “Eldur” Thorberg – Vocals
Tjalve – Guitars, Vocals (backing)

DEN SAAKALDTE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.