iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Decay Of Reality – Reality Of Decay

Primo full-length dei Decay Of Reality, band russa che vede alle prese con un death di buon spessore diversi esponenti di spicco della scena doom moscovita.

Decay Of Reality – Reality Of Decay

Con un po’ di ritardo rispetto alla sua uscita, avvenuta nello scorso ottobre, andiamo ad occuparci del primo album dei Decay Of Reality, band russa che vede alle prese con un death di sicuro spessore diversi esponenti della scena doom moscovita.

Non a caso, il disco esce per la MFL Records di Evander Sinque, che qui presta il suo efferato growl a supporto del lavoro chitarristico di Hater e della base ritmica a cura di Gungrind (basso) e di Vladimir Lyashkov (batteria).
Chi conosce quell’ambito musicale, saprà quindi che vocalist e bassista fanno parte degli Who Dies In Siberian Slush nonché dell’ultimo nato tra i molteplici progetti doom della capitale, gli ottimi Unmercenaries, che il chitarrista è uno degli storici componenti degli Abstract Spirit e che il drummer ha prestato la sua opera in valide realtà death-doom quali Shallow Rivers e Revelations Of Rain.
I Decay Of Reality, nati nel 2012 su iniziativa di Hater ed E.S., diedero il loro primo segno di vita con un demo piuttosto bizzarro, visto che si trattava di una vera e propria prova da sottoporre all’audience tramite una coppia di brani riproposta in duplice versione prima death e poi doom.
In effetti, partendo da quell’abbozzo il progresso della band è stato sensibile con l‘approdo odierno ad una forma di death impietosamente ortodosso, molto vicino alle sonorità della scuola svedese degli anni ‘90 (Entombed, Grave, Dismember, Unleashed), anche se intregrato da un innato gusto per dissonanze stranianti e da un DNA doom che si manifesta in qualche mortifero rallentamento, in particolare proprio in Seplophobia e Urge To Get Away, i già citati brani che componevano “The First Dementia”.
Diciamo pure che, con tutta la personale stima che nutro verso questa cerchia di valenti musicisti e pur essendo l’album un’ottima esibizione di tecnica e di conoscenza del genere, nel cimentarsi con il death tout-court i nostri restano comunque invischiati nel gruppone, cosa che invece non capita loro quando nelle rispettive band di appartenenza è la componente doom a renderne maggiormente peculiare il sound.

Tracklist:
1. Intro
2. The Vortex
3. Dissection
4. To Overcome Death Phobia
5. A Chronic Sense of Emptiness
6. Seplophobia
7. Urge to Get Away
8. Pyromaniac

Line-up:
Gungrind – Bass
Vladimir “Vile” Lyashkov – Drums
Hater – Guitars
E.S. – Vocals

DECAY OF REALITY – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.