dal 1999

Recensione : Deatherapy – Look, We Are Dying

Esordio esplosivo sotto Revalve per l'ottima band deathcore triestina.

Deatherapy – Look, We Are Dying

La Revalve mette sotto contratto questi massacratori sonori di Trieste a nome Deatherapy e licenzia il loro debutto, un EP di sei brani travolgenti dove il metalcore viene violentato da scariche di milioni di volt di death moderno, pesante come un incudine scagliata dall’ultimo piano di un grattacielo, e che maciulla tutto quello ciò si trova al di sotto.

Look, We Are Dying esplode in tutta la sua potenza sonora non facendo prigionieri, lasciando ad altri soluzioni melodiche a volte indigeste e andando dritto per la strada che porta alla pura violenza sonora.
Prodotto alla grande e suonato con palle grosse come quelle di un cannone, questo debutto promette veramente bene: i musicisti triestini sciorinano una prova tutta cuore e tecnica ed i sei brani risultano un bell’esempio di metal estremo moderno, un wall of sound devastante guidato dal growl brutale quanto vario del bravissimo Filippo Sinico, cattivissimo, bestiale, al limite del brutal in molti momenti del disco, insomma, un vero vocalist estremo.
Abyss of Shame fornisce un assaggio della carica dirompente dei nostri ed insieme a Mechanical Beast e Black Wings si pone come l’ideale benvenuto nel gioco al massacro organizzato dalla band, nel quale groove, bordate metalliche ed attitudine estrema la fanno da padrone, sempre bilanciate dall’ottimo lavoro dei chitarristi Sascha Colautti ed Alex Bellezza e per una sezione ritmica che, senza cervellotici cambi di tempo, travolge l’ascoltatore con una prova precisa e potente (Fabio Buleghello alle pelli e Stefano Baruffaldi al basso),
Man of Glass è la ciliegina sulla torta che dimostra quanto i Deatherapy ci sappiano fare anche quando la violenza si attenua in occasione di un brano maggiormente in linea con il metalcore più mainstream, mantenendo però sempre e comunque una forte identità, costruita in pochi anni e per questo ancora più di valore.
Li aspettiamo alla prova sulla lunga distanza, ma questo EP lascia alcun dubbio sul reale valore del combo triestino e conferma una volta di più il fiuto mostrato dalla Revalve nello scovare band emergenti di livello assoluto.

Tracklist:
1. Abyss of Shame
2. Mechanical Beast
3. Black Wings
4. Blind Spider
5. Sovreign
6. Man of Glass

Line-up:
Sasha Colautti – Guitars
Fabio Buleghello – Drums
Stefano “Baru” Baruffaldi – Bass
Filippo Sinico – Vocals
Alex Bellezza – Guitars

DEATHERAPY – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

S.G.A.T.V. – S.G.A.T.V.

Nelle sonorità dei SGATV si può riconoscere e distinguere anche la geometria fredda e imperscrutabile di tanta NDW (la Svizzera è stato il paese dei grandissimi Grauzone che, ad ogni buon conto, gli SGATV hanno ascoltato e fatto tesoro)

Kathleen Hanna, in arrivo un memoir

L’iconica attivista femminista Kathleen Hanna darà alle stampe una autobiografia, prevista per il maggio 2024 e intitolata “Rebel Girl: My Life as a Feminist Punk“, che sarà edita da HarperCollins (qui il link per il pre-order). Il memoir tratterà le vicissitudini e il percorso, musicale

Autori Vari- Un sentito omaggio a Rodolfo Santandrea

Rodolfo Santandrea, un gigante della musica italiana al quale non interessa minimamente di esserlo ma che anzi preferisce che la sua musica venga vissuta e amata anche da alti, e d è proprio quello che succede in questa raccolta

Wojtek Petricore – Flames Don’t Judge

Torna la colata lavica sonora dei Wojtek, uno dei migliori gruppi italiani di rumore e disperazione sonora. Il disco si intitola “Petricore” ed esce in vinile, digitale e cd  per un’associazione a rumoreggiare di etichette, Flames Don’t Judge, Fresh Outbreak Records, The Fucking Clinica, Dio Drone, Shove records e Violence in the Veins, e Teschio Dischi per la versione in cassetta.