iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Deaf Cities – The Infinite Travelling

Alessandro Luisetto e Paolo Montagna, musicisti con già un'ampia esperienza (entrambi hanno suonato in differenti band punk/hardcore), debuttano sotto il nome Deaf Cities con i sette brani pop/folk di The Infinite Travelling. Il disco, incentrato sulla tematica del viaggio, vede come ospiti d'eccezione Matteo Tabacco (Dufresne) al basso e Stefano Negro (Steve Black Band) all'organo.

Deaf Cities – The Infinite Travelling

The Worst Man In The World, dal timbro vocale che ricorda i Greenday più acustici, introduce il ritmo incalzante e coinvolgente di Ella (piacevolissima sorpresa l’armonica sul finale) e il leggero scorrere su chitarra e organo di Sky Commuter.
Chimneys, avvolgente ed emotiva, ci accarezza con le sue delicate melodie, mentre la più frizzante The Heathen, accompagnata dall’ukulele, apre alla rilassata These Things Matters e al riflessivo concludere dell’affascinante Road Lights.

L’esordio dei Deaf Cities scorrre veloce e non presenta sbavature. Ci troviamo di fronte a sette brani pop/folk che, lasciando intuire il passato punk/hardcore dei due musicisti, convincono con la loro delicatezza. I due musicisti sanno quello che fanno e questo disco non può che essere promosso.

Tracklist:
01. The Worst Man In The World
02. Ella
03. Sky Commuter
04. Chimneys
05. The Heathen
06. These Things Matters
07. Road Lights

Line-up:
Alessandro Luisetto
Paolo Montagna

DEAF CITIES – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90