Daimon – Misplaced

Daimon - Misplaced 1 - fanzine

Daimon – Misplaced

Il rock alternativo riesce molte volte a regalare belle sorprese e band dalle indubbie capacità espressive, qualche volta originali, altre (come in questo caso) che lasciano trasparire le proprie influenze, senza però perdere in personalità.

Il primo lavoro sulla lunga distanza dei Daimon, band bolognese fresca di contratto con la Enzone Records e con due ep alle spalle nel 2014, anno che vede l’inizio delle attività del trio, è tutto questo, un incontro tra diverse anime del rock dell’ultimo trentennio e messe al servizio di un sound asciutto e scarno, molto punk, così da richiamare i Nirvana di inizio carriera, principale influenza del gruppo.
Misplaced affidato in studio alle mani di Giuseppe Barbera (boss dell’etichetta) che ne ha curato registrazione, mixaggio e mastering, ha come partenza il sound della band di Cobain, ma poi in seguito, durante il viaggio viene arricchito da molteplici sfumature, ed è così che spuntano tra i solchi dei brani punk, stoner rock e una percettibile elettricità noise che rendono il lavoro interessante e molto personale.
Sono palesi ad un primo ascolto i riferimenti alla band di Seattle, specialmente in songs come l’opener She’s So Digny e Bind, anche se il trio lascia le facile melodie di Nevermind per un impatto più punk, alla Bleach, mentre Clay mette in evidenza l’anima lisergica del gruppo, richiamando in noi stonate note rock d’oltreoceano.
La cover di Love Song dei Cure, posta in apertura, dimostra come i Daimon non abbiano timore di confrontarsi con mostri sacri come la band di Robert Smith, assoggettando il particolare sound del gruppo dark per eccellenza al proprio credo.
Dopo l’ottima K&R, torna a far capolino lo stoner rock con Poison Belly, un brano intimista drogato di psichedelia ed elettrizzato da sfuriate improvvise, colme di elettricità così come la conclusiva Daimon, brano sabbathiano che accresce la vena rock settantiana del gruppo bolognese.
Buon album, di non facile lettura e per questo ancor più affascinante, Misplaced può sicuramente essere considerato una buona partenza per il gruppo bolognese, che riassume a modo suo una buona fetta del rock alternativo degli ultimi decenni con buona padronanza della materia e ottime idee.

TRACKLIST
1. She’s So Dingy
2. Bind (primo singolo)
3. Love Song (The Cure cover)
4. Immigrant Ian
5. Clay
6. K&R (secondo singolo)
7. Poison Belly
8. Who Cares
9. Paper Man
10. Daimon

LINE-UP
Corrado Pizzolato – voce, chitarra
Francesco Ritucci – basso
Andrea Fontanarosa – batteria

DAIMON – Facebook

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.