Curses – Chapter Ii Boom

Curses – Chapter Ii Boom

Curses - Chapter Ii Boom 1 - fanzineLa sussidiaria della Nuclear Blast Records per il metal moderno, la Sharptone Records pubblica il ritorno dei Curses uno dei gruppi metalcore più interessanti dell’ultima generazione.

Dopo il debutto Chapter I : Introspection che ricevette una buona accoglienza sia di pubblico che di critica, il gruppo ha avuto occasione di fare molta esperienza dal vivo e di poter provare in sala prove con ancora più forza grazie ai riscontri ricevuti.

Il risultato è questo secondo disco, che racchiude il meglio del metalcore attuale : dinamismo, velocità, uso consapevole della melodia e sprazzi di metal moderno.

Cosa hanno i Curses rispetto alla miriade di altri gruppi metalcore ?

Possiedono maggiore cattiveria, sanno essere più originali e hanno un miglior trattamento del difficile rapporto fra aggressività e melodia, uno dei maggiori crucci di tanti gruppi metalcore. Il disco non ha tracce riempitive o pezzi che non si incastonino al suo interno, scorre molto bene e ha una sua carica molto alta.

La produzione è molto puntuale e riesce a trasmettere il meglio di questo gruppo, anche grazie al sapiente uso dei bassi che sono belli potenti e che creano una bella atmosfera, al contrario di certi dischi metalcore che hanno dei bassi risibili. Come ha affermato il cantante Eli Fry, i Curses sono rimasti fedeli alle loro radici le hanno espanse, costruendo un qualcosa destinato a durare.

Chapter II : Boom è un disco maturo e convincente, dovrebbero sentire anche i detrattori della scena metalcore, perché il suddetto genere ha tanti gruppi poco validi e le uscite sono davvero tante, e potrebbe sfuggire un disco di questo calibro.

Dieci pezzi pieni e potenti per un insieme che conferma la Sharptone Records come uno dei migliori luoghi del metalcore attuale.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati