iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Crimen – Silent Animals

Ascoltare i Crimen da un piacere decadente, un abbandonarsi leggeri durante uno degli ultimi tramonti di questa pesante umanità che finirà prima o poi, ma una certa sequenza rimarrà per sempre nei nostri occhi e nelle nostre orecchie.

Crimen – Silent Animals

Esordire direttamente su Fuzz Club Records non è un inizio proprio malvagio, ed è quello che hanno fatto i romani Crimen.

Il disco è nato e cresciuto in undici anni di vita, ed ha visto finalmente la luce ora. Descrivere la musica del trio romano è sicuramente meno efficace del suo ascolto, ma si può dire che sia una psichedelia molto personale e che sfocia in molti altri generi.

Il cuore della loro musica è l’instaurare un clima di spaesamento e gioia nell’ascoltatore, usando la musica come asse intorno al quale ruotare. Nel loro disco omonimo non esiste la fretta, o il voler apparire in maniera diversa, ci sono costruzioni sonore che sembrano mandala di sabbia, con le loro strutture minimalmente complicate. Tutto è soffuso e non ha contorni definiti, il groove del trio che è fatto di ritmi e di assenza, fa scaturire una proiezione personale della realtà e non si scappa dalla malinconica dolcezza di cui questo disco è profuso.

Ascoltare i Crimen da un piacere decadente, un abbandonarsi leggeri durante uno degli ultimi tramonti di questa pesante umanità che finirà prima o poi, ma una certa sequenza rimarrà per sempre nei nostri occhi e nelle nostre orecchie. Oltre a questa psichedelia molto personale troviamo anche un saggio uso di elementi elettronici che regala una visuale diversa alla loro musica ed alla loro poetica. Il disco è un lavoro nel quale ci si deve immergere, e non si farà troppa fatica nel farlo, perché il gancio dei Crimen vi condurrà a fondo.

Ultimamente Roma sta diventando la casa della musica italiana più intrigante e soffusamente distorta, e i Crimen sono un ulteriore prezioso tassello a tutto ciò.

ETICHETTA: Fuzz Club Records

TRACKLIST
1 Above The Trees (Rockets)
2 Batida
3 Flahzz
4 From My Bed
5 Six Weeks
6 Left Behind
7 Supermarket
8 Hit Mania Death

LINE-UP
Simone Greco – basso e voce.
Patrizio Strippoli – chitarra e seconda voce.
Giuseppe Trezza – batteria.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.