iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Concatenatus – Aeonic Dissonances Beyond Light’s Consumption

Una sorta di assaggio, vista la prossima pubblicazione del full-lentgh d’esordio, che dovrebbe fornire qualche ragguaglio in più sulla reale dimensione artistica dei Concatenatus.

Concatenatus – Aeonic Dissonances Beyond Light’s Consumption

I Concatenatus sono un duo cileno di formazione recente, dedito ad un black doom grezzo, essenziale ma senza dubbio efficace.

Aeonic Dissonances Beyond Light’s Consumption è una compilation che racchiude i due lavori precedentemente realizzati dalla band sudamericana, ovvero il demo Meditation Through the Inner Vortex, dello scorso anno, ed il recente ed omonimo ep risalente allo scorso aprile.
Al di là della bizzarria nel rilasciare due opere dallo stesso titolo a brevissima distanza l’una dall’altra, creando sicuramente un minimo di confusione, va detto che l’operazione ha un suo perché, in quanto i Concatenatus mettono in luce un buon potenziale, destreggiandosi con padronanza tra le sfuriate tipiche del black (ottima in tal senso l’opener dell’ep, Aeons), e i rallentamenti repentini di matrice doom (che ben si esplicitano nella traccia conclusiva del demo, Echoing Cacophony).
La produzione è tutto sommato accettabile, se confrontata con gli standard del genere, mentre dal punto di vista compositivo la coppia di musicisti sembra in grado di evocare sensazioni piuttosto stranianti, pur senza far ricorso a particolari artifici.
Un’iniziativa utile e da prendersi come una sorta di assaggio, quindi, vista la prossima pubblicazione del full-lentgh d’esordio, che dovrebbe fornire qualche ragguaglio in più sulla reale dimensione artistica dei Concatenatus.

Tracklist:
1. Aeons
2. Interlude – Barren Knowledge
3. Dodie Mihi, Cras Tibi
4. Intro
5. Unreachable Dawn
6. Echoing Cacophony

Line-up:
Sulphur – Drums, Vocals
Balrog – Guitars, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.