Choose Your Cage – Life In Captivity

Quindici minuti di ottima fattura che risultano equilibrati in tutti gli ingredienti.

Choose Your Cage – Life In Captivity

Se avessi ascoltato questo EP senza sapere chi fossero, mai avrei detto che sono italiani e che, vedendo la foto, siano molto giovani.

Davvero valido Life in Captivity dei Choose Your Cage, band bresciana in attività dal 2011 e che ha visto alcuni cambi di formazione prima di arrivare alla line up definitiva. Tralasciando l’intro, The Fog fa percepire da subito che cosa si ha per le mani: maturità e pienezza di suono, una perfetta alternanza tra violenza, pause, ritmo incalzante, cantati acidi e growl.
Senza rifletterci troppo mi viene in mente Funeral Thirst dei Black Dahlia Murder.
Arrivi a Reborn e la testa ha già cominciato a ciondolare avanti e indietro, senza che te ne accorgi, mentre Mentally Insane si tinge di parti melodiche più vicine al black metal e sembra rallentare un poco. Dissent e Djenglens continuano e completano questi 15 minuti di ottima fattura, che nel complesso risultano equilibrati in tutti gli ingredienti.
Se ci fosse un X-factor del metal-core, di sicuro i Choose Your Cage arriverebbero in finale. Speriamo che continuino su questa strada, con qualche pizzico di personalità in più, potrebbero fare davvero molto bene.

Tracklist :
1. Intro
2. The Fog
3. Reborn
4. Mentally Insane
5. Dissent
6. Djenglens

Line-up :
Alessandro Belotti – voce
Matteo Cervati – basso
Elia Iadema – voce
Simone Bani – chitarra
Jonatan Franceschini – batteria
Federico Comincini – chitarra

CHOOSE YOUR CAGE – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.