Caronte – Codex Babalon

Caronte – Codex Babalon

Dei Caronte non c’è più molto da scoprire e da dire, a livello introduttivo, se non che ci si trova al cospetto di una delle band simbolo del doom italiano, assieme ai Doomraiser ed agli Abysmal Grief.

Se la band romana mantiene lo scettro per quanto riguarda l’aspetto più heavy e tradizionale del genere, e quella genovese spicca sul versante orrorifico e funereo, il quartetto parmense si pone come guida allorchè i suoni si spostano verso lo stoner, anche se tale definizione potrebbe rivelarsi oltre modo semplicistica.
Il sound dei Caronte, infatti, si rivela di volta in volta sciamanico, evocativo e, anche per merito della voce di Dorian Graves, lambisce territori battuti dal Danzig più ispirato dei primi album: ciò che ne scaturisce è un’interpretazione personale e mai scontata di un genere che, talvolta, soffre di un certo ristagno.
Invocation To Paimon, Elixir Rubeus Rites of High Theurgy sono tre brani che rendono, anche per il minutaggio consistente, il valore di questo ep del tutto assimilabile a quello di un full length: un rituale che si snoda tramite un flusso sonoro costante e privo di cedimenti.
Codex Babalon è la conferma di uno status acquisto con merito e perseveranza, anche se, come al solito, a forte rischio d’essere considerato adeguatamente soprattutto all’estero, stante la marginalità del doom all’interno dei nostri angusti confini; i Caronte, comunque, paiono non preoccuparsi più di tanto di questo e, anzi, proseguono con la loro opera di diffusione del verbo con l’organizzazione del Navajo Calling, festival giunto ormai alla terza edizione e che vedrà all’opera, il 19 e 20 agosto in quel di Noceto, nomi di spicco della scena metal underground provenienti da ogni parte del mondo.
Come si diceva all’inizio, sui Caronte non ci sarebbe molto da aggiungere se non che, per il valore di ogni loro uscita discografica, meritano il sostegno incondizionato di tutti coloro che vogliano definirsi a buon titolo appassionati di metal.

Tracklist:
1. Invocation To Paimon
2. Elixir Rubeus
3. Rites of High Theurgy

Line-up:
Dorian Bones – Voice
Tony Bones – Guitars & Chorus
Henry Bones – Desecrator Bass
Mike De Chirico – Drums

CARONTE – Facebook

Tags:
,
Stefano Cavanna
[email protected]

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.