Capt. Crunch and the Bunch – Non Cambiare Mai

Capt. Crunch and the Bunch – Non Cambiare Mai

Porta in alto la mano / Segui il tuo capitano / Muovi a tempo il bacino / Sono il capitano Uncino.

Sì certo Dj Francesco questa è la tua immagine del capitano, un fighetto alla Johnny Depp, ma il nostro capitano, il capitano Crunch, è differente e somiglia molto di più all’indimenticabile Superciuk l’ (anti) eroe di Max Bunker che rubava ai poveri per dare ai ricchi.

Ed è così che torna ai suoi adepti, accompagnato dal suo mucchio selvaggio, proponendoci nuove canzoni grazie alle quali si viene condotti per mano attraverso le nebbie di un tempo lontano nel quale ameremmo risvegliarci domani mattina.

Le vette del disco sono poste in apertura ed in chiusura e sono contenute nell’esaltante suono prodotto dall’armonica di Crimine Beat e dall’andamento sbarazzino di Settima Ora.

Fra queste due perle trovano spazio brani altrettanto pregnanti come la sinuosa Non Lo So, la melodia coinvolgente di Pinewood Ball, le struggenti Selmer Time Blues, Blackman e la garagistica It’s Hard; mentre, a condurci nel meraviglioso solco della tradizione beat tricolore, ci pensa la rilettura in italiano della dylaniana Like A Rolling Stone che diventa Come Una Pietra Che Rotola.

Il titolo dell’ album è in fondo una dichiarazione programmatica, di intenti, perché tutti noi di cambiare non ne abbiamo nessuna intenzione.

Lunga vita a band come questa perché il fuoco sotto la cenere continui a bruciare; a qualcuno potrà sembrare poco più che revivalismo, ma, per i veri appassionati di un suono che non morirà mai, si tratta invece di una necessaria quanto (in)salubre boccata d’aria fresca. O mefitica.

Fate voi.

Capt. Crunch and the Bunch – Non Cambiare Mai

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.