CAPAREZZA – IL SOGNO ERETICO

Pubblicato il

Scritto da

Tanta tanta pazienza. E’ quella che c’è voluta ai fan di Caparezza prima di rivederlo tornare sulla scena con il suo quinto album, il primo con la Universal Music, intitolato “Il Sogno Eretico”. Labor Limae, così si può definire il l’opera del rapper di Molfetta, un accurato lavoro di cesello, durato quasi tre anni, ma come diceva il mio caro amico Jean Jacques Rousseau (pace all’anima sua): “la pazienza è amara ma il suo frutto è dolce”, e direi che la frase calzi a pennello.

Nonostante la lunga attesa già dalla prima traccia capiamo che l’ album non ha certo deluso le aspettative e che il Pugliese non è cambiato di una virgola: sagaci giochi di parole, rapidi scioglilingua, e come sempre, tanta tanta rabbia e indignazione. Questa volta la sua attenzione è concentrata in particolare sull’ ipocrisia che aleggia attorno all’ambiente dello spettacolo, e della politica ovviamente. Dunque alla solita satira si aggiunge un nuovo elemento: l’ eresia e la rivoluzione dunque contro il Potente: società, chiesa o politica che sia. Per farlo, chiede aiuto a chi di eresia ne sa qualcosa; quelli che durante le lezioni di storia non dormivano sui banchi avranno facilmente riconosciuto le figure di Galileo, Savonarola, Giovanna D’Arco e Giordano Bruno. Riprende le loro storie traendo il lato positivamente eretico da esse. Questa volta però, lo fa sottovoce, senza più soffermarsi sul pericolo di una incomprensione da parte dell’ ascoltatore, della serie a buon intenditor, poche parole. Il tutto condito dalla solita varietà di produzioni, nelle quali alla già nota indole rock, aggiunge contaminazioni elettroniche e anche reggae, arricchite con un nostalgico richiamo 80’s. Per quanto riguarda il discorso “Goodbye Malinconia”, il primo singolo estratto, che vanta la collaborazione di Tony Hudley, vi lascio alle parole della stesso Caparezza: “Essendo entrambi grandi sex symbols, ho pensato che invece di rubarci fans a vicenda, ci saremmo potuti unire in uno scopo comune”.
In conclusione, il mio consiglio è ovviamente quello di ascoltarlo, la considero una di quelle piacevoli riscoperte che per chi non è fan, e legge tra la lista degli album appena usciti il nome di Caparezza, afferma euforico “Lui è un grande! L’ultimo disco che aveva fatto era una bomba! Ma dov’era finito?” e ascoltandolo riassapora testi e suoni che tanto gli erano piaciuti negli album precedenti. Si perché va detto che Caparezza è uno dei pochi che non ha bisogno di innovarsi ed evolversi, perché fa un genere tutto suo, inimitabile.

TRACKLIST:
01. Nessun Dorma
02. Tutti Dormano
03. Chi Se Ne Frega Della Musica
04. Il Dito Medio Di Galileo
05. Sono Il Tuo Sogno Eretico
06. Cose Che Non Capisco
07. Goodbye Malinconia
08. La Marchetta Di Popolino
09. La Fine Di Gaia
10. House Credibility
11. Kevin Spacey
12. Legalize The Premier
13. Messa In Moto
14. Non Siete Stato Voi
15. La Ghigliottina
16. Ti Sorrido Mentre Affogo

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.