iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Caltrop – Ten Million Years And Eight Minutes

I Caltrop piacciono per il loro approccio genuino e disincantato; immagino che siano una band ideale da godersi dal vivo (magari con un bel boccale di birra in mano) e, se mai un giorno dovessero capitare dalle nostre parti, sarebbe un peccato farseli sfuggire.

Caltrop – Ten Million Years And Eight Minutes

A volte può essere sufficiente una fotografia per intuire, senza aver ancora ascoltato una singola nota, che tipo di musica si sprigionerà dalle casse dello stereo.

Infatti, basta vedere l’immagine dei Caltrop, inviata dall’agenzia che cura la promozione del loro disco, per escludere a priori almeno una dozzina di generi; questi tizi barbuti e abbigliati in maniera semplice e un po’ trasandata evocano esclusivamente una musica fatta di sudore, polvere e spontaneità.
Il gruppo del North Carolina, con tutte queste caratteristiche, non può che proporci uno stoner imbastardito con la tradizione southern rock, che riporta direttamente al mito della Allman Brothers Band, con l’aggiunta delle derive psichedelico-progressive degli ultimi Mastodon, il tutto proposto in maniera scarna ma ugualmente coinvolgente.
Ten Million Years And Eight Minutes è un viaggio lisergico ricco di sfumature blues, nel quale la naturale predisposizione alla jam-session spesso prende il sopravvento sulla forma canzone; così i Caltrop finiscono per sfogare la loro insana creatività in brani cervellotici ma dannatamente coinvolgenti come la lunghissima Perihelion, l’iniziale Birdsong e la conclusiva Zelma, anche se, a mio avviso, si fanno preferire negli episodi contraddistinti da un suono più robusto e per certi versi più lineare come Ancient, Blessed e la magnifica Shadow And Substance.
A livello di produzione le voci sono un po’ sacrificate, ma è anche vero che la musica del quartetto ha un’impostazione prevalentemente strumentale, utilizzando le parti cantate in maniera essenziale all’interno dei singoli brani.
Sicuramente chi è avvezzo a questo tipo di sonorità avrà di che gioire mentre, a chi fosse sprovvisto del giusto background musicale, consiglio molta pazienza e diversi ascolti per cogliere appieno il reale valore di questo disco.
I Caltrop piacciono per il loro approccio genuino e disincantato; immagino che siano una band ideale da godersi dal vivo (magari con un bel boccale di birra in mano) e, se mai un giorno dovessero capitare dalle nostre parti, sarebbe un peccato farseli sfuggire.

Tracklist :
1. Birdsong
2. Ancient
3. Light Does Not Get Old
4. Shadow and Substance
5. Perihelion
6. Form and Abandon
7. Blessed
8. Zelma

Line-up :
Murat Dirlik – Bass, Vocals
John Crouch – Drums
Adam Nolton – Guitars
Sam Taylor – Guitars, Vocals

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.