Blaze Of Perdition – Near Death Revelations

Un album di spettacolare black metal tradizionale ma colmo di riferimenti occulti, racchiusi in sette brani lunghi, impegnativi, ma soprattutto bellissimi.

Blaze Of Perdition – Near Death Revelations

Certo che, per una band, la scomparsa prematura di un proprio membro diventa molte volte un confine, una linea che separa il combo da tutto quello che ha creato prima della tragedia, e il rimettersi in sella per creare nuova musica può essere interpretato come una sorta di rinascita dalle proprie ceneri, prendendosi gioco della morte che molte volte deride i nostri piani, le nostre speranze e ambizioni.

Se poi la band suona black metal, il tutto si trasforma in pura violenza, in parte resa ancora piĂą oscura, rabbiosa e malsana ma tremendamente affascinante e atmosferica.
I polacchi Blaze Of Perdition tornano con un nuovo album dopo la tragica scomparsa nel 2013 del bassista Ikaros, deceduto in un incidente stradale, e lo fanno con album di spettacolare black metal tradizionale ma epico e violentissimo, colmo di riferimenti occulti, racchiuso in sette brani lunghi, impegnativi, ma soprattutto bellissimi.
La band arriva così al terzo lavoro sulla lunga distanza, dopo una manciata di split ed ep, e due ottimi full length come “Towards the Blaze of Perdition” del 2010 e “The Hierophant” dell’anno dopo, surclassati da questo nuovo Near Death Revelations che si prospetta come uno degli album piĂą riusciti dell’anno in ambito black metal classico.
I Blaze Of Perdition mostrano un indole progressiva nelle partiture mai banali di chitarre che affrontano il genere con sfumature declamatorie, una violenza in parte domata da atmosferiche parti di mistico metallo nero con la voce che urla rabbia e disperazione e che sembra si addolcisca, ma solo per rendere certi momenti liturgici: una sorta di messa nera per il demonio, glorificato da questi sacerdoti del satanismo crowleyano.
Prova mastodontica di tutti i musicisti coinvolti in questa opera drammaticamente oscura, con i due chitarristi protagonisti di un lavoro straordinario (Revenger e XCIII) ed un superlativo Sonneillon, sacerdote e cantore, enorme vocalist posseduto e mattatore sull’intero album.
Near Death Revelations vive di picchi esecutivi incastonati in queste sette opere nere, il sound passa agevolmente da devastanti parti di black epico a digressioni strumentali clamorose, intervallate da attimi dove la musica dei nostri si fa messianica e ci avvolge in un turbinio infernale, travolgendoci tra le note di capolavori come KrĂłlestwo Niczyje, When Mirrors Shatter, Dreams Shall Flesh e la conclusiva e lunghissima Of No Light.
Mixato e masterizzato magistralmente ai Satanic Studios, con il supporto della splendida copertina creata da Mentalporn (Origin, Sinister, Behemoth, Decapitated), Near Death Revelations risulta un’opera nera sontuosa, ed un acquisto obbligato per tutti i devoti al black metal.

Tracklist:
1. KrĂłlestwo Niczyje
2. Into The Void Again
3. When Mirrors Shatter
4. Dreams Shall Flesh
5. Cold Morning Fears
6. The Tunnel
7. Of No Light

Line-up:
S. – v
XCIII – g
Revenger – g/b
Vizun – d

BLAZE OF PERDITION – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.