Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36
Billy Redfield - Two Steps Closer

Billy Redfield – Two Steps Closer


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/895352.cloudwaysapps.com/wcnaxsfeed/public_html/wp-content/plugins/elementor-pro/modules/dynamic-tags/tags/post-featured-image.php on line 36

Billy Redfield – Two Steps Closer

Fico. Davvero.Al primo ascolto non sono riuscito a capire se Two step closet fosse o no un bel disco.Perché nonostante ci fossero gli ingredienti necessari perché questo cd fosse valido, all’ inizio ho stentato ad entrarci dentro. Poi al terzo ascolto tutto mi si è chiarito.La verve malinconica di Redfield marcata da momenti vicini al primo Springsteen, a momenti in linea con Elliot Smith, ha preso il sopravvento sui miei balbettii degli inizi.“Perfect” la seconda canzone esemplifica al meglio ciò che l’ artista di Baltimora è riuscito a trasmettermi con una romantica ballad di pianoforte e voce in punta di piedi ( un timbro simile a Maximilian Hecker), che poteva rischiare di finire col rendersi banale e ruffianata, ed invece che si rivela carica e vera, mai eccessiva nell’ emotivismo e perfettamente in sincrono col passare dei secondi, della durata giusta.“ Carnival” rievoca lo spirito cantautoriale americano più tradizionale.Le tre songs conclusive “ Happy me”, “ Celebrate” e “ Miss Melissa” sono impeccabili, e sigillano la fine del disco nei migliori dei modi. Unica cosa che a me non è garbata particolarmente, è stata quella relativa agli arrangiamenti fatti coi fiati: una scelta a mio avviso non molto azzeccata.COMPRALO ADESSO / BUY NOW!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.