Berkowitz – Sent To Dominate

Berkowitz – Sent To Dominate

Ibrido black death metal per la one man band Berkowitz di Unas (Robert Zimmermann).

Il disco è stato pubblicato l’11 settembre 2012, una data non casuale, poiché l’obiettivo di Berkowitz è di scagliarsi contro ogni forma di oppressione, sia politica che morale, infatti, in copertina vi è la celebre foto di piazza Tienanmen, con il manifestante che si oppone ai carri armati. Il disco scorre molto bene, con i momenti più aggressivi in maggioranza, ma senza la totale assenza della melodia. Berkowitz propone un black-death metal di grande impatto, che guarda alle tradizioni scandinave del genere, ma che conferma, come altre opere, che il black si sta avvicinando a sonorità punk hardcore, con tempi e stacchi molto simili. Effettivamente, se si vanno ad analizzare le diverse componenti del black e del punk ci accorgiamo che sono generi molto affini, soprattutto per l’effetto di rottura che hanno avuto e per la loro successiva commercializzazione. Il black è stato il genere più peculiare uscito negli ultimi trent’anni, sia per il suo tendere verso l’estremo che per la sua completa rottura verso il passato: Berkowitz ne sintetizza molto bene le principali caratteristiche, ma supera le paludi del genere giungendo ad un ottimo risultato, un concentrato di potenza e cattiveria.
Con Sent To Dominate il progetto di Unas supera ampiamente l’esame della seconda uscita, confermando la solidità della scena black metal tedesca, forse la migliore dopo quella scandinava, ma anche la più underground e sconosciuta.

Tracklist :
1. Endurance
2. Dictate Destruction
3. Zehntausenddreihundertfünfzehn
4. Paveway to the Gods
5. Second Class Human Being
6. Från Helvetet
7. To the Aggressor the Valve
8. Defects

Line-up:
Unas – All Instruments

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo