iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Beborn Beton – She Cried Ep

Beborn Beton – She Cried Ep: Per la serie battiamo (lecitamente) il ferro finché è caldo, i Beborn Beton dopo il buon successo otten...

Beborn Beton – She Cried Ep

Per la serie battiamo (lecitamente) il ferro finché è caldo, i Beborn Beton dopo il buon successo ottenuto con il loro recente album A Worthy Compensation, offrono ai loro estimatori questo Ep che verte soprattutto sulla riproposizione in quattro diverse versioni del singolo She Cried, al quale si aggiungono i remix di altri due brani tratti dall’ultimo lavoro, 24/7 Mystery e Who Watches The Watchmen e, soprattutto la splendida cover The Black Hit Of Space, canzone degli Human League risalente al 1980 e avvolta in maniera brillante di una nuova ed ancor più elettronica patina di modernità.

Per il resto, oltre ad una sempre gradita She Cried, la cui rappresentazione più intrigante è la club version di Olaf Wollschläger, troviamo una gradevole 24/7 Mystery remixata da Val Solo ed una Who Watches The Watchmen (la mia canzone preferita di A Worthy Compensation) rivoltata come un calzino dalle sapienti mani di Daniel Myer.
Come sempre in questi casi, uscite simili nulla aggiungono e nulla tolgono al valore e allo status della band, per cui si rivelano essenzialmente un gradito cadeu per i fans più incalliti, pur rappresentando un’operazione comunque non priva di motivi di interesse.

Tracklist:
1. She Cried (Single Edit)
2. The Black Hit Of Space
3. She Cried (Extended Club Remix)
4. 24/7 Mystery (Remix by Val Solo of S.P.O.C.K.)
5. She Cried (Zynic Remix)
6. Who Watches The Watchmen (Daniel Myer Remix)
7. She Cried (babyMax Remix)

Line-up:
Stefan Netschio
Stefan Tillmann
Michael B Wagner

BEBORN BETON – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.