Beat City Tubeworks – “top Rock” (2020)

Beat City Tubeworks Top Rock

Beat City Tubeworks – “top Rock” (2020)

Beat City Tubeworks Top Rock: Godibilissimo disco di HARD ROCK'N'ROLL TAMARRO in pieno spirito 70s.

Beat City Tubeworks Top RockBEAT CITY TUBEWORKS – “TOP ROCK” (2020).

Godibilissimo disco di HARD ROCK’N’ROLL TAMARRO in pieno spirito 70s. Tra le influenze, una su tutte i KISS di “DRESSED TO KILL”. Kitarre imbizzarrite, con quegli assoli ke quando sei solo in casa, ti metti davanti allo spekkio a mimarli, con 1 manico di scopa tra le mani!

I B.C. TUBEWORKS sono 4 brutti ceffi di Jönköping , SVEZIA, al loro secondo lp (il primo,autoprodotto nel 2016, poi ristampato dalla THE SIGN RECORDS nel 2019). Ammetto di non essere 1 grande fan di bands svedesi, i vari HELLACOPTERS, GLUECIFER ecc. mi hanno rotto il cazzo da mò, ma questi ragazzacci della BEAT CITY ad ogni ascolto mi entusiasmano sempre 1 po’ di +.

Tra i brani da segnalare: “IVORY WAVE” e “80’s FOREST TREASURE” , 2 perle GLAM al fulmicotone, “ESTRANGED” , “IDIOT SAVANT” , “SUCCUBS” con riff di kitarre e melodie vocali ke ci ricordano grandi band del passato come BLUE OYSTER CULT, THIN LIZZY e xkè no, a volte anke i NEWYORK DOLLS.

Insomma, HIGH-POWERED R’N’R x 1 party pieno di sesso, droga e alcool, con i peli sul petto e lustrini e fondotinta in viso. Niente di nuovo, ma suonato con i cojoni!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.

Tre camerati di Erich Maria Remarque

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Tre camerati di Erich Maria Remarque, edito da Neri Pozza.