Baby Jesus – Words Of Hate

Baby Jesus : Psychedelic music for freaks on acid

Baby Jesus – Words Of Hate

Baby Jesus - Words of HateMi sembra doverosa, prima di parlare di questo disco, una mia umilissima dissertazione su cosa sia per me la psychedelia e su dove trovi il suo apogeo.

 

La psychedelia non è il suono masturbatorio di tante band sopravalutate e dei loro brani pieni di inutili e noiosissimi assoli, ma è il ruggito acido fulmineo di gruppi come i 13th Floor Elevators, i Pink Floyd del primo e di parte del secondo disco, gli Electric Prunes, i Seeds, i Plan 9, i Plasticland, i Beatles perché checchè se ne dica i fab four sono (quasi) sempre stati geniali, gli Small Faces e, per restare nei patrii confini, gli indimenticabili Steeplejack.

Di psychedelia è pregna anche la follia splendidamente sbilenca dei Black Lips di Let it Bloom, perché in fondo psychedelia e follia possono essere considerati quasi sinonimi. Questa lunga, ma spero non tediosa, premessa mi è stata utile per introdurre questo disco perché il suono dei Baby Jesus è principalmente psych anziché garage, anche se le due cose non sono affatto antitetiche.

Non sono forse un omaggio a Roky Erickson e compagni l’iniziale No Reason at All e Red Fangs?

Con la voce filtrata che sembra provenire da un altro affascinante pianeta.

Per Do Worry invece si potrebbe scomodare un paragone più “attuale” con il sound dei texani Gris Gris mentre Country I C, come si evince dal titolo, è country ma storto alla maniera dei Country Teasers. Il riferimento ai sopracitati Black Lips è quanto meno fondato nell’incedere scombicchierato di No Money e se in Baked for Money sembra di ascoltare un pezzo freakbeat alla Embrooks Who Are You scomoda i sunnominati Small Faces.

Penso di aver fatto capire a chi ha avuto la compiacenza di leggere queste righe che a me questo disco è piaciuto e pure parecchio.

Accomodatevi sul divano, mettete sul piatto Words of Hate, chiudete gli occhi e lasciatevi avvolgere dalle voluttuose spire dei Baby Jesus perché, come diceva qualcuno, naufragar m’è dolce in questo mare.

Acquista direttamente il cd

Track List
1) No Reason At All,
2) Do Worry,
3) Country I C,
4) Red Fangs,
5) Girl Bangs,
6) Bjorns,
7) Words of Hate,
8) No Money,
9) Baked for Money,
10) Moon Blues,
11) Lunar Song,
12) Who Are You,
13) Hashbrowns

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o più semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacché questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.