Avsa – Parallels

Avsa – Parallels

Prendete un poli strumentista, o meglio rumorista come Sergio Albano aka Amklon, Grizzly Imploded… che è lo sciamano preposto a far passare la musica attraverso alcuni strumenti, sintetizzatori e financo oggetti.

Tutte queste onde sonore vengono poi rielaborate e stravolte da Anacleto Vitolo, una vecchia conoscenza di queste pagine ed una delle migliori menti musicali in Italia, aka AV-K, K.lust, X(i)NEON, Internos, Manyfeetunder e molto altro ancora.

Il processo è un mixare quasi in diretta i suoni, quasi direttamente dalla fonte che lo emette. L’intenzione è quella di creare un suono che possa abitare diversi livelli sonori e fisici, spandendosi in diversi piani sensoriali ed altro. Il suono qui si fa liquidità neuronale, le melodie sono temperate a una temperatura altissima o ghiacciate all’istante.

Non ci si deve aspettare musica tradizionale e nemmeno certa elettronica da avanguardia, perché il percorso è totalmente in preda alla fisica del chaos, legandosi strettamente allo stato e all’anima delle cose e del pensiero nel senso elettrico del termine. Scariche, rumori soffusi, spazi ambientali immensi e claustrofobia senza percezione del sé. Spiazzare, ricercare, far soffrire la propria spazialità, quasi in uno sconto finale tra il nostro io e mondi talmente differenti, e che ci fanno quasi paura, perché non sono affini alla nostra limitatezza sensoriale.

Gli Avsa sfornano l’ennesimo capolavoro di un sottobosco italiano elettronico sempre molto inquieto e prolifico, che detta tempi e modi fortunatamente troppo diversi da quelli della fruizione normale, vera morte cerebrale. Molteplici dimensioni, distruzione infinitesimale e morte di galassie, questo è la nostra vera natura, molteplice, aliena anche da noi stessi e di impossibile conoscenza. Parallels è il dispiegamento sonoro dei wormhole cosmici nei quali ci perdiamo quotidianamente, siamo tanti io, ma dovrebbe esistere solo il noi e questa distopicamente impossibile rende benissimo lo spaesamento e la dolcezza del viaggiare senza, fluttuando liberi senza nemmeno satori, perché è tutto compenetrazione, e non estemporanea compenetrazione.

Non è ritmo, non è musica, è una mutazione elettronica di qualcosa di molto più antico, un uomo che suona la musica ed un altro che rielabora, il tutto secondo il loro gusto, e seguendo quell’unione che le musiche sanno compiere e benedire, come all’inizio dei tempi.

TRACKLIST
1.A | n-sphere – Tensor Field
2.A | n-sphere – Paradox 1
3.A | n-sphere – Identically Zero
4.A | n-sphere – Paradox 2
5.A | n-sphere – Interception
6.B | Ramps – Fluid
7.B | Ramps – Plasma
8.B | Ramps – Quadrants and Octans
9.B | Ramps – Decep

LINE-UP
Sergio Albano: Sound Sources / Guitars / Synths / Microphones / Objects.
Anacleto Vitolo: Processing / Synthesis / Live Electronics / Arrangement.

VOTO
7,5

URL Facebook
https://www.facebook.com/Manyfeetunder

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Rossomalpaolo

La prima volta che ho interagito con Paolo aka Rossomalpaolo è stato in un periodo in cui ero curiosa di sperimentare i limiti del mio corpo.

E’ morto Tom Verlaine

Un’altra orrenda notizia arriva a funestare questi primi sprazzi di 2023 in termini di perdite musicali. In queste ultime ore ci ha lasciati infatti, dopo una breve malattia, anche il cantante, chitarrista e songwriter statunitense Tom Verlaine.

Grandiosa Muerte – Egregor

Dietro al nome Grandiosa Muerte c’è un uomo solo saldamente al comando, il suo nome è Max Gutiérrez Sánchez, già fondatore di altri tre gruppi : Ravensouls, December’s Cold Winter, e Advent Of Bedlam. Max ha conosciuto l’abbraccio mortale del metal quando abitava in Spagna ed è lì che ha contribuito a fondare i suoi primi gruppi.

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.