iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Atlas Pain – Behind The Front Page

Per gli Atlas Pain un bel progresso in attesa di una prima prova su lunga distanza; di sicuro la band merita d'essere seguita dal vivo dove la resa dei brani, per le loro caratteristiche, dovrebbe aumentare in maniera esponenziale.

Atlas Pain – Behind The Front Page

Primo Ep per i milanesi Atlas Pain, alfieri di un folk metal intriso di epicità e di accattivanti melodie. Va detto, in tutta onestà, che il demo uscito lo scorso anno aveva solo fatto intravvedere le doti della band lombarda, esibendo solo a tratti una vena compositiva che in Behind The Front Page esplode invece in tutta la sua veemenza.
Senza apportare particolari elementi innovativi, come d’altronde non c’era neppure da aspettarsi, i nostri sciorinano circa venticinque minuti in cui la vis epica dei Virgin Steele (sentire al riguardo le linee melodiche in Each Uisge), talvolta la magniloquenza atmosferica dei primi e sottovalutati Bal-Sagoth (specie quando sono le tastiere a condurre le danze) e il folk vero e proprio, impiantato in una solida struttura ritmica talvolta afferente al black (incluso l’aspro screaming di Samuele Faulisi), vanno a fondersi senza provocare particolari attriti.
Behind The Front Page, così, scorre via veloce facendo rimpiangere la sua durata ridotta: i brani di nuovo conio (tutti ad eccezione di Once Upon a Time, già presente nel demo) si dimostrano spumeggianti ed avvincenti, con il picco rinvenibile nell’anthemica The Storm, mentre Ironforged, tenendo fede al titolo, affonda i suoi colpi metallici senza sacrificare comunque il lato accattivante e melodico del sound.
Nient’altro da dire, se non che questo è un genere che deve, in primis, far divertire restando impresso grazie a melodie semplici quanto coinvolgenti e, in tal senso, la band milanese assolve alla grande un compito tutt’altro che scontato.
Per gli Atlas Pain un bel progresso in attesa di una prima prova su lunga distanza; di sicuro la band merita d’essere seguita dal vivo dove la resa dei brani, per le loro caratteristiche, dovrebbe aumentare in maniera esponenziale.

Tracklist:
1. Bonfires Night
2. Each Uisge
3. Ironforged
4. The Storm
5. Once Upon a Time
6. In Eclipse

Line-up:
Federico Cotzia – Bass
Luca Ferrari – Guitars (lead)
Samuele Faulisi – Vocals, Guitars, Keyboards
Riccardo Floridia – Drums

ATLAS PAIN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.