iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Arx Atrata – Oblivion

Difficile davvero attendersi qualcosa di meglio da una band pressoché sconosciuta e alla sua prima uscita, per di più autoprodotta.

Arx Atrata – Oblivion

Difficile davvero attendersi qualcosa di meglio da una band pressoché sconosciuta e alla sua prima uscita, per di più autoprodotta.

Gli Arx Atrata, di provenienza britannica, irrompono sulla scena con cinquanta minuti di black atmosferico di elevato spessore qualitativo, capace di attingere il meglio dalle diverse influenze che vanno a confluire in sonorità spesso in bilico tra umori depressive ed evocative aperture melodiche.
Un brano come Winter, posto in apertura, definisce già dal titolo il tipo di sound offerto, un soffio di neve ghiacciata capace di sciogliersi infine in passaggi dall’enorme carica evocativa; uno schema compositivo, questo, che viene replicato anche nei brani successivi, senza però che il risultato complessivo ne risenta, tale è la qualità del songwriting e la bravura degli Arx Atrata nello smuovere emotivamente l’ascoltatore.
Melodie semplici ma capaci di restare impresse a lungo nella memoria, questa è la ricetta tutt’altro che scontata per comporre un disco ineccepibile, capace di rivaleggiare ad armi pari con nomi pesanti quali Drudkh o Wolves In The Throne Room.
Se i primi quattro brani sorprendono e convincono allo stesso tempo, Forsaken mette il sigillo finale al lavoro rivelandosi uno dei brani migliori ascoltati in assoluto negli ultimi tempi, consegnando agli appassionati un altro nome dal quale in futuro è lecito attendersi grandi cose.
Oblivion è un distillato prezioso e puro di atmosfere sognanti e dolenti allo stesso tempo, sarebbe un peccato mortale ignorarlo.

Tracklist:
1. Winter
2. The Hour
3. Through Dying Lands
4. The Broken Man
5. Forsaken

ARX ATRATA – facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.