iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Andrew Quitter And Nick Hoffmann – Nu Grotesque

Pensieri e rumori di foggia ottocentesca, di incubi in bianco e nero.

Andrew Quitter And Nick Hoffmann – Nu Grotesque

Pensieri e rumori di foggia ottocentesca, di incubi in bianco e nero.
Jam session di dark ambient e rumorismo, da parte di Andrew Quitter e Nick Hoffmann.

Quitter già lo conosciamo per l’ottimo “Forgotten Farms”, mentre Nick Hoffmann è un produttore molto prolifico, che suona anche in vari gruppi come Black Magic e Veyou, e al quale piace molto collaborare con altre entità come in questo caso.
Nella musicassetta della Diazepam si possono sentire quattro pezzi di improvvisazione che definire dark ambient sarebbe riduttivo, perchè qui il suono va libero, trovando nuovi anfratti e vecchie scogliere da abitare.
Questo album ha un gusto retrò, di diabolico vaudeville.
Nu Grotesque conferma la vocazione dei produttori della scena noise e dark ambient a collaborare, dato che questi generi sono realmente underground, e vi sono molte collaborazioni fatte con vera passione.
In questo caso nessuno dei due produttori toglie qualcosa alla sua musica, ma anzi l’incontro arricchisce entrambi, e rende inquieto l’ascoltatore, che viene spinto a chiedersi cosa ci sia dietro di lui.
Meglio non girarsi.

Cassetta c- 25.
Tracklist
1. Divine Stutter
2. Contempt
3. Spiral Stair
4. Something Bit Me

DIAZEPAM RECORDS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Cranked! - Mr. Deathwish

Cranked! – Mr. Deathwish

I Cranked sono un gruppo di grandissimo valore e chi ama questo suono consumerà questo capolavoro dell’hardcore punk anni ottanta, atmosfere incredibili e indelebili.

Bineural – Bineural ep

Bineural – Bineural ep:Questo ep omonimo è una danza in fallace equilibrio sull’orlo dell’abisso che viviamo ogni giorno, ordinato e matematico caos musicale, felice libertà senza vincoli, come la musica dovrebbe essere.