Andrea Fardella – Le Derive Della Rai

Un disco corposo sotto tutti i punti di vista

Andrea Fardella – Le Derive Della Rai

Andrea Fardella, cantautore piemontese con già alle spalle una notevole carriera da attore (diverse tournée in Europa e in buona parte del mondo), debutta per Contro Records con Le Derive Della Rai. Il disco, suddiviso in undici brani e massiccio dal punto di vista della durata (quasi settanta minuti), decide di non impuntarsi su un unico tema, preferendo toccare più argomenti.

La depersonalizzazione de La Deriva della Rai, decisamente tangibile nei momenti solamente strumentali, apre a Sposa, alla sua intensità vocale e alla sua matura e complessa struttura sonora (la voce ricorda molto il grande Edda; colpiscono i dialoghi fra basso e batteria; piace l’alternarsi di dinamiche).
Il dolore nascosto dentro Nuovo Giorno, canzone ispirata dalla morte del padre del cantautore, cola nero tra le note degli strumenti, i colpi di rullante e i lievi rumorismi, mentre i nove minuti abbondanti di Petit, concedendosi divagazioni strumentali e un andamento a maglie larghe, lascia che a seguire sia la rabbiosa vivacità di Cin Cin (“dedicata” alla scena torinese).
La spiritualità, fragile e acustica, della dolce e delicata Anima Senza Rumore, invece, introduce Sorriso D’Inverno che, acquistando energia ed espandendosi con forza, fulmina con la sua accattivante intensità, prima di passare il testimone alla pessimistica Crisi e all’ancor più triste ed emotivamente disarmante Jet Lag.
Gli oltre dieci minuti di Madre Terra, infine, abbandonando la classica forma canzone, cresce ed evolve a ritmi regolari, cedendo a Piccino e all’idea di rivoluzionare sé stessi per cambiare gli altri, l’onore di chiudere.

Gli undici brani proposti da Andrea Fardella, assolutamente curati dal punto di vista degli arrangiamenti (alla produzione c’è Carlo Barbagallo), del suono e dei testi (molti i temi toccati e mai in maniera banale), convincono e non lasciano spazio a dubbi. Un disco corposo sotto tutti i punti di vista che, unendo con sapienza cantautorato, rock e influenze più o meno dichiarate (Edda e Umberto Maria Giardini vengono subito in mente), merita assolutamente di essere conosciuto ed ascoltato.

TRACKLIST
01. La Deriva Della Rai
02. Sposa
03. Nuovo Giorno
04. Petit
05. Cin Cin
06. Anima Senza Rumore
07. Sorriso D’Inverno
08. Crisi
09. Jet Lag
10. Madre Terra
11. Piccino

ANDREA FARDELLA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacità compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese Pigmé Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: