Alessandro Chiarelli – Il Caso Aldrovandi: 2005 / 2015 – I Fatti, Gli Errori, Le Sentenze, Gli Altri Morti

Alessandro Chiarelli – Il Caso Aldrovandi: 2005 / 2015 – I Fatti, Gli Errori, Le Sentenze, Gli Altri Morti

Libro-saggio di Alessandro Chiarelli, Ispettore di Polizia, che ha scatenato alcune polemiche, soprattutto per il fatto d’aver scritto che ci sarebbero altri morti insabbiate a Ferrara.

Il libro è interessante da leggere, anche per capire un altro punto di vista rispetto al proprio, e qui Chiarelli parla da poliziotto che prova a vedere i fatti in maniera diversa dall’opinione pubblica, anzhe anlizzando non banalmente le dinamiche dei mass media.
La polizia per Chiarelli è ancora un corpo meritevole di stima e fiducia ma che non si è comportata bene. La polemica più grande la scatena con i poteri che stanno sopra di lui, poiché dopo il caso Aldovrandi ci sono state molte morti per abuso di violenza da parte delle forze dell’ordine, e ciò l’ispettore lo imputa anche alla mancanza di protocolli adeguati, uno dei problemi italici più grossi che tocca anche la polizia.
L’autore si sofferma anche sulla testimonianza decisiva di Tsengue, la signora extracomunitaria che ha permesso di ribaltare l’esito del processo, ma le 54 ferite sul corpo di Aldovrandi non si possono cancellare.
Non si possono altresì cancellare i numerosi tentativi di insabbiamento e le insufficienti risposte date dallo stato.
Chiarelli approfondisce molto bene la questione, anche se a mio personale avviso rimane troppo aderente per spirito di corpo alla difesa della polizia. Uno dei meriti di questo libro è quello di portare un contributo notevole al dibattito su di una vicenda che ha sicuramente spostato l’ago della bilancia nei rapporti tra forze dell’ordine e italiani, ed è stata anche sfruttata ed usata per biechi motivi.
Il libro è quindi una lettura consigliata, e che fa luce sul fatto che gli stessi servitori dello stato sono lasciati soli, in primis dallo stato stesso, ovvero da chi dovrebbe valorizzarli e proteggerli, fornendo loro i mezzi per poter agire al meglio.
Una lettura che spinge a ragionare e che fa parte di un tentativo di riavvicinamento alla gente in atto in una certa parte della polizia di stato e non solo.
Chiarelli non parte del Coisp ma di un altro sindacato di polizia, ed anche questo non è casuale.

pagine 220
euro 13

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.