aldo rox-like an angel

Non mi diverto a smontare i dischi.Tanto meno quelli che si rifanno ad amori adolescenziali per me enormi ed importantissimi, quali Christian Death e Sister of Mercy.Ma questo disco è davvero tremendo, tenta di ricreare le atmosfere malsano/sessuali della band di Rozz Williams e condirle con elettro-punk ispirato chiaramente a Billy Idol. Il risultato purtroppo è però incredibilmente pacchiano per aver un minimo di attendibilità e a meno di scossoni tellurici pesanti, ho paura che questo gruppo continuerà ad abbandonarsi nell’ autocompiacimento più lascivo.Fossero cresciuti a Napoli probabilmente farebbero roba neomelodica copiando Nino D’ Angelo, caschetto biondo incluso.Snervanti.

Avatar
dolorian gray
doloriangray@gmail.com

Nato nella primavera del 1982 sotto il segno del Toro,sta ultimando gli studi all' Accademia di Belle Arti a Genova.Umorale, istintivo, nostalgico ???????, avverso alla forma, innamorato dei contenuti;ha suonato in diversi gruppi, ma attualmente milita nei Japanese Gum,dove dà adito alle sue pulsioni indie-nerd-troniche e in un side-project dedito al post-rock ( ammesso che esista).Ascolti dichiarati: Nick Cave and the Bad Seeds, Godspeed You! Black Emperor, Joy Division, My Bloody Valentine, CCCP, Black Dice.Letture dichiarate: Fëdor Michajlovic Dostoevskij, Albert Camus, Emil Cioran, Bertold Brecht, Jonathan Coe, Michail Afanasievic Bulgakov.Visioni cinematografiche dichiarate: Sergej Mikhajlovic Ejzenstejn, David Lynch, Pier Paolo Pasolini, Woody Allen, Darren Aronofsky, Richard Kelly. Visioni artistiche dichiarate: Willem De Kooning, Marina Abramovic, Gustave Courbet, Anselm Kiefer, Anton Corbijn, Damien Hirst.