iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Aequorea – Departure

La dote principale degli Aequorea è la capacità di far convivere le dicotomiche anime del post metal senza contrapporle, bensì amalgamandole in un tessuto sonoro fluido e sempre avvincente.

Aequorea – Departure

La provincia americana continua ad essere fucina delle realtà musicali più stimolanti e genuine, in particolare quando si tratta di suonare generi il cui appeal commerciale è tale da non consentire soverchi voli pindarici a chi ne è autore.

Gli Aequorea da Nevada City, California, hanno impiegato solo due anni a dare seguito al magnifico Dim, album che invece era giunto a ben otto anni di distanza dall’esordio Tellurian; Departure è quindi la logica conseguenza di quanto fatto nel 2022, risultando forse ancor meglio focalizzato e ugualmente conciso.

Il quartetto si conferma interprete di un post metal/doom di eccellente fattura, privo di fronzoli e mirabilmente orientato a una forma canzone che fa risaltare al meglio una propensione melodica per nulla scontata; il look dei musicisti è suggestivo di un approccio ruvido che in realtà si traduce in una pesantezza che non è mai fine a sé stessa, risultando una sorta di scrigno al cui interno sono rinvenibili passaggi di grande limpidezza sonora.

La dote principale degli Aequorea è la capacità di far convivere le dicotomiche anime del post metal senza contrapporle, bensì amalgamandole in un tessuto sonoro fluido e sempre avvincente; bastano poche note dell’opener Cursed per constatare che questi apparenti boscaioli californiani sono in realtà musicisti sopraffini e quando si viene travolti dalla spaventosa intensità di una canzone come Illusions in Bardo non ci sono più difese che tengano.

In questo segmento stilistico ci sono decine di band esaltate da critica e pubblico che valgono poco più di un’oncia degli Aequorea; non so se ci sia qualche discografico illuminato in grado di accorgersi di questa ingiustizia e abbia voglia di porvi rimedio, nel dubbio supportare la band e fare proprio un album di valore come Departure è già un bel passo avanti.

2024 – Autoproduzione

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.