iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Abstract Spirit / Ennui – Escapism 

Quattro ottimi brani che mostrano la ritrovata vena degli Abstract Spirit e forniscono un ulteriore conferma del valore assoluto degli Ennui.

Abstract Spirit / Ennui – Escapism 

Nuovo split album a cura della MFL Records (Moscow Funeral League), etichetta moscovita che, pur non avendo mezzi e numeri per competere con la Solitude, nel suo piccolo continua a proporre uscite di grande interesse, senza dimenticare che può vantare, quale fiore al’occhiello del proprio roster, gli emergenti georgiani Ennui; proprio il duo di Tbilisi è protagonista di Escapism assieme ad uno dei nomi di punta delle scena funeral-death doom russa come gli Abstract Spirit.

Ero piuttosto curioso di verificare le scelte stilistiche operate dal trio Hater, Stellarghost, iEzor, dopo un album come “Theomorphic Defectiveness” che mi aveva lasciato oggettivamente perplesso, alla luce di alcune derive sperimentali che finivano per snaturare il talento compositivo della band autrice del magnifico “Tragedy And Weeds”.
An Ode To The God’s Fool, soprattutto, e Schizotherica, i due brani a disposizione dei moscoviti, sembrerebbero indicare un ritorno delle loro sonorità all’interno di un più canonico alveo funeral, nel quale i nostri paiono trovarsi decisamente a proprio agio nell’esprimere un malessere esistenziale espresso tramite un mood disturbato piuttosto che impregnato di umori malinconici; le linee melodiche seguono un filo convittore molto più lineare e di impatto sicuramente più immediato, anzichè ricercare in maniera forzata soluzioni indubbiamente originali ma non sempre altrettanto efficaci, come accaduto in occasione dell’ultimo full-length.
Tutto ciò, quindi, fa ben sperare riguardo al ritorno degli Abstract Spirit agli standard qualitativi raggiunti alla fine dello scorso decennio.
Where The Common Sense Is Ruined introduce la parte di split riservata agli Ennui, e ciò coincide con il passaggio ad atmosfere più vicine al death-doom che non al funeral.
Parlare della band georgiana per me è sempre un piacere, amplificato dal fatto che, dopo un disco ottimo come “The Last Way”, David e Serj stanno continuando a deliziarci con queste uscite estemporanee ma costantemente contraddistinte da un livello elevatissimo.
Se nello split con gli Aphonic Threnody c’era stata la possibilità di ascoltare un brano magnifico come “Hopeless”, nelle due tracce a loro disposizione in questa occasione i musicisti di Tbilisi non si risparmiano affatto sfoderando ancora una prestazione magnifica.
Where The Common Sense Is Ruined e The Day Of Abandonment sono altre due piccole perle rigonfie di una dolente malinconia che si manifesta tramite un growl impeccabile ed un lavoro chitarristico che è tra i migliori ascoltabili in questo momento nel genere, non tanto dal punto di vista prettamente tecnico quanto per la naturale capacità di trasmettere emozioni all’ascoltatore.
Escapism, assieme a molte altre uscite di questo tipo negli ultimi tempi, mi fa ulteriormente ricredere sull’utilità degli split album, anche se, nel caso degli Ennui, mettendo assieme “Hopeless” e i due brani proposti in quest’occasione ne sarebbe venuto fuori un altro full-length magnifico.
Ma tant’è … godiamoci questi ottimi quattro brani che mostrano la ritrovata vena degli Abstract Spirit e forniscono un ulteriore conferma del valore assoluto degli Ennui.

Tracklist:
1.Abstract Spirit – An Ode To The God’s Fool
2.Abstract Spirit – Schizotherica
3.Ennui – Where The Common Sense Is Ruined
4.Ennui – The Day Of Abandonment

Line-up:
Abstract Spirit
M. Hater – Guitars, Bass
I. Stellarghost – Vocals (backing), Keyboards
A.K. iEzor – Vocals, Drums

Ennui :
Serj Shengelia – Bass, Drums, Guitars, Keyboards
David Unsaved – Guitars, Keyboards, Vocals

ENNUI – Facebook

MFL RECORDS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.