iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Aa Vv – Bomb Your Brain Vol. 1

La label indipendente francese Pigmé Records (sempre viva le piccole etichette!) ha assemblato una interessantissima compilation, intitolata "BOMB YOUR BRAIN – BEST OF BASTARD COMPILATION VOL. 1",

Aa Vv – Bomb Your Brain Vol. 1

La label indipendente francese Pigmé Records (sempre viva le piccole etichette!) ha assemblato una interessantissima compilation, intitolata “BOMB YOUR BRAIN – BEST OF BASTARD COMPILATION VOL. 1“, pubblicata in sole 500 copie in formato vinilico. La raccolta, presentata recentemente con una release party in terra d’oltralpe, contiene quattordici “killer hits from all over the world” proposti da quattordici band che rientrano nella scena garage punk (e dintorni) che “suonano davvero” e vanno ancora in giro per il mondo a fare tour reali, come ci tengono a precisare i gruppi che hanno preso parte a questa compila, della quale segnaliamo anche lo stupendo artwork realizzato da Sergi Dinamita.

 

Pensare globale e agire locale, e infatti “Bomb Your Brain” si apre a un respiro internazionale, dando spazio a band e progetti non solo europei, ma provenienti da diverse parti del globo, come la scatenata one man band indonesiana BATTLEBEATS, oppure i neozelandesi CAVEMEN, gli statunitensi Paint Fumes, i canadesi TOMMY AND THE COMMIES e il progetto MexiCali XENU AND THE THETANS. Ma tra il contingente europeo, oltre ai connazionali (della Pigmé) Lullies e Thee Gunlocks, e ai turchi Reptilians from Andromeda, il duo brasiliano/danese dei Courettes, gli inglesi Young Francis Hi Fi, gli svedesi Fuzzstainz, i catalani Prison Affair e i Sex Organs (folle duo svizzero-olandese) spicca anche un po’ di Italia, grazie all’inclusione delle MUFFE, trio garage/beat bergamasco fresco di nuovo LP, “Down Down Down“, da cui è stato estratto proprio il brano di apertura “Giungla d’asfalto” per partecipare a questa festa casereccia multilingue a base di chitarre dinamitarde, bassa fedeltà, organi animaleschi e urla sguaiate, dove le sfumature che contraddistinguono il sound dei vari ensemble rallegrano la permanenza degli ascoltatori convenuti emanando fumi di sostanze psicotrope che odorano di Cramps, Sonics, Sixties garage rock, “Back from the grave” e altre sconcezze. Se volete un consiglio spassionato, lasciatevi friggere il cervello da questo universo trash rock ‘n’ roll, in questi tempi controversi è preferibile questo “bombardamento” sonoro a quelli veri (o immaginari) di guerra propinati a getto continuo dai mass media.

 

 

 

BOMB SIDE

A1 Tommy And The Commies – Suckin In Your 20s (Bomb Your Brain Mix)
A2 The Courettes – Nobody But You
A3 Paint Fumes – Dices Eyes
A4 Le Muffe – Giungla D’asfalto
A5 Les Lullies – Supermarket
A6 Young Francis And The HI FI – I Wanna Hold You (Tonite)
A7 The Sex Organs – I Wanna Be A Pussy

BRAIN SIDE

B1 The Cavemen (NZ) – I Belong In A Zoo
B2 Fuzzstainz – My Kinda Girl
B3 Reptilians From Andromeda – Secret Of The Living Dead
B4 Prison Affair – Jail Romance
B5 Thee Gunlocks – Lovely Caveman
B6 Xenu & The Thetans – Muy Occupado
B7 The Battlebeats – You’re My Wild One

 

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee

Jesus Lizard, a settembre il nuovo album

In questo movimentato 2024 per la scena noise/post-hardcore mondiale, segnata dalla dolorosa e prematura scomparsa di Steve Albini (arrivata pochi giorni prima dell’uscita dell’ultimo Lp dei suoi Shellac) c’è anche una buona notizia, perché è stato ufficializzato il ritorno discografico dei Jesus Lizard, che hanno

BAD NERVES – STILL NERVOUS

Sono ancora nervosi, esuberanti ed elettrici – musica per le nostre orecchie, è proprio il caso di dire – e lasciateli fare: che nessuno si azzardi mai ad ammorbidire il loro sound né a renderli parte del calderone fighetto del post-post-post punk modaiolo di ultima

ALAN VEGA – INSURRECTION

Continuano le uscite di materiale inedito proveniente dallo scrigno degli archivi musicali di Alan Vega, compianto frontman newyorchese che, tra il pioneristico duo elettronico avanguardistico dei Suicide e il successivo percorso solista, ha avuto un cammino turbolento e prolifico, soprattutto negli ultimi anni della sua